La mia skincare routine serale (settembre 2012)

Non credevo che un giorno sarei arrivata pure io ad avere una routine per la cura della pelle. Averne una per il giorno e una per la sera, poi, men che meno!
La mia proverbiale pigrizia si è sempre riversata sulla cura per il viso, per non parlare della mia incapacità di concentrarmi su un solo prodotto senza cambiare dopo un giorno.

Insomma, qualcosa è cambiato, e ora posso parlarvene pensando che ve ne possa fregare qualcosa.

1- Lo Struccante

Questo è un tema su cui vi ho tediato plurimamente, e su cui vi tedierò ancora e ancora. Oggi spero di essere clemente.
Data la calda stagione ho accantonato il Non Ti Scordar di Me in virtù di uno struccante bifasico homemade  per gli occhi, mentre per il viso sto provando l’acqua micellare Bioderma. Preferirei deliziarvi con un post a parte sull’argomento (ho provato anche la Collistar), per cui aspettatevi altre inutili elucubrazioni future.

2-Detergente

Finita la fase odiata, arriva il detergente. Al momento sto usando un prodotto Shiseido che fa parte di un kit in tre fasi, rifilatomi da mia madre tempo fa. (Facendo una breve ricerca su internet ho scoperto che si tratta di un kit anti-età. Poco male! Almeno è delicato).  Si tratta del “Creamy Cleansing Foam” della linea Benefiance. Avevo deciso di usarlo raramente (non ne conosco l’inci), ma visto che vorrei smaltire un po’ di roba e che qualitativamente il prodotto merita,  l’ho inserito nella mia routine. È una crema/mousse detergente con microgranuli, molto delicata e dalla profumazione non forte. Lascia la pelle morbida, non la fa “tirare”; la utilizzo molto volentieri.

3-Tonico

Questa estate ho cominciato a usare “Acqua di Sole” di Lush. Non male come prodotto, pratico per lo spray (me lo sparo addosso direttamente), ma niente di eccezionale. L’odore, in particolar modo, mi disturba un po’:non lo trovo particolarmente gradevole. Il fatto è che per 100 ml di prodotto si spendono ben 6,50 euro. Con la stessa cifra, più o meno, comprate il boccione da 300 ml di Acqua di Avène, che non avrà lavanda e rosa all’interno, ma lenisce ugualmente e fa miracoli.

4 – Crema idratante

Quest’anno sono stata molto indisciplinata con l’idratazione del viso, ma trovare questa crema da Sephora mi ha fatto tornare sulla retta via. Si tratta della Night Cream alla camomilla di Mineral Flowers, presa alla spaventosa cifra di 5 euro (in origine ne costava 16,90). Per lo stesso prezzo ho preso anche la maschera, che ancora non ho provato. La consistenza è leggera e molto idratante, di inverno sarà sicuramente più piacevole perché al momento mi sveglio al mattino con la pelle leggermente unta (ma lo capisco, viste le temperature tropicali di Palermo). Il profumo non è dei migliori, ma almeno è delicato. L’inci è molto buono, davvero.

Se siete sopravvissuti a questo post, sappiate che sto scrivendo anche quello sulla routine mattutina. Mica cavoli, eh! Tenetevi pronti.

11 Comments
  • Isabella
    Posted at 23:00h, 25 settembre Rispondi

    Sono sopravvissuta, attendo con trepidazione. La mia routine col caldo è andata a farsi friggere, ed è diventata “un po’ di saponetta e la crema meno unta che ho”. Mi vergogno profondamente. 🙂

    • gliuppina
      Posted at 23:49h, 25 settembre Rispondi

      D’estate ci sta! La pelle se la cava benissimo anche senza mille fasi di pulizia 😉
      io approfitto della nullafacenza pre-invernale per mettermi in riga 🙂 grazie per essere arrivata alla fine del post! 😀

      • Isabella
        Posted at 23:33h, 30 ottobre Rispondi

        Prego, è un piacere! Ripresa la routine. Sono entrata nel tunnel di Aromazone, è la fine.

  • lidalgirl
    Posted at 21:14h, 27 settembre Rispondi

    E niente crema contorno occhi?
    Niente siero?
    Niente olietti?

    Quando mi deciderò a scrivere la mia skincare attuale il mondo dovrà ripensare al concetto di “passare ore in bagno”.
    Che lo so che meno ci metti meglio è, la pelle deve respirare blabla, ma poveretta è così delicata! sensibbole! tormentata dai cattivissimi agenti esterni! e insomma non posso non ascoltare il suo grido di dolore.
    (ok, io ho fatto agosto in montagna, c’era lo stesso clima di ora a Milano la sera, quindi non faccio testo)

    La schiuma di Shiseido la provai anch’io, l’aveva presa Madre per sé. Non è male, ma a me quelle formulazioni lì seccano da matti la pelle. Avevo provato anche il tonico Lush ma non mi ha mai convinto moltissimo.

    • gliuppina
      Posted at 23:06h, 27 settembre Rispondi

      Sono una rincoglionita di rara entità e ho dimenticato il contorno occhi (al momento un concentrato di siliconi:un campioncino di All About Eyes di clinique). Invece il siero non lo uso ma vorrei qualche consiglio, attendo il tuo post dai dai! Non so se imbottirmi di siliconi viste le prime rugghettine o perseguire una via verde, tipo acido ialuronico o un semplice olio di jojoba @.@ spererei nella seconda opzione, devo sconfiggere la pigrizia!

      • lidalgirl
        Posted at 23:12h, 27 settembre Rispondi

        Via verde of course, siliconi anche no grazie 🙂
        Mi sembrava strano non usassi il contorno occhi!

  • [Random] Win & Fail 2012 « Vanity Nerd
    Posted at 16:59h, 21 gennaio Rispondi

    […] Tonico: Lush – Acqua di Sole (qui in due parole) […]

  • [Homemade] Olio-viso idratante & antiage per pelli secche « Vanity Nerd
    Posted at 16:21h, 09 febbraio Rispondi

    […] Fatto questo mix, che mi ricorda parecchio un olio anti-age Delarom che mi ha rifilato mia madre (anch’esso ottimo, ma costa una cifra spropositata e attualmente si trova in terronia), ho struccato il viso con il latte detergente Viviverde Coop (mmmeh), ho lavato via il tutto con Maisenza di Lush (ahw) e mi sono spruzzata una generosa dose di acqua di Avène. Sul viso (e sul collo!)  bagnato di acqua termale ho steso qualche goccia del mix di oli appena fatto. Una volta asciutto – strano ma vero non unge – ho messo la mia solita crema da notte Mineral Flowers. […]

  • [yawn!] Skincare Routine: aggiornamento semi-primaverile | Vanity Nerd
    Posted at 20:49h, 09 maggio Rispondi

    […] causa della mia nota incapacità di terminare i prodotti, ho ancora sul groppone la crema da notte alla Camomilla di Mineral Flowers, ma poiché non ne amo il profumo spesso o salto lo step della crema (AAARGH!) o la tradisco con […]

  • Clarisonic Mia 2: una nuova speranza | Vanity Nerd
    Posted at 10:01h, 22 gennaio Rispondi

    […] A: prima di avere il Clarisonic, la mia crema da notte Mineral Flowers alla camomilla (ne parlo qui) per me era davvero molto idratante, tant’è che spesso potevo evitare di metterla o usarne […]

  • Skincare: Detergenti del periodo (Shiseido, Herborist, Lush) | Vanity Nerd
    Posted at 10:10h, 17 febbraio Rispondi

    […] ogni parola espressa eoni fa in questo post: lo so, risale a un anno e mezzo fa ma poiché il povero detergente rimane a Palermo lo uso di […]

Post A Comment