Skincare Routine: aggiornamento semi-primaverile

In attesa che l’estate si porti via la mia voglia di curare la pelle ho pensato di tenervi aggiornati sulla mia attuale routine di cura del viso, per blaterare di alcuni prodotti che altrimenti mi dimentico, e che per pigrizia non recupero mai («è passato troppo tempo, a chi interesserà mai?» e roba simile). Per il resto sono seeeeeeempre le stesse cose.

Partiamo dalla sera

La sera è il momento cui dedico più tempo alla cura del mio bel faccione 42″, mi aiuta a rilassarmi e a non pensare a tutti i drammi che ho affrontato durante la giornata, come il fatto di avere mangiato un pacco di Loacker nonostante mi reputi a dieta e non avere ancora varcato la soglia della palestra per chiedere informazioni. Sono problemi.

  • Struccanti

In questo periodo vario quasi ogni sera il prodotto con cui mi strucco gli occhi, ma il succo in fondo è sempre lo stesso: gli oli. A volte uso Non Ti Scordar Di Me di Lush, a volte l’olio di cocco – al momento ancora solido – altre volte il bifasico homemade che faccio su richiesta di mia sorella. Cambio senza alcuna logica precisa, ma l’unico che spalmo anche sul viso è l’olio di cocco: lo trovo meraviglioso, leggero ed efficace; se rimosso con un dischetto di cotone e un po’ d’acqua (termale per me, grazie!) non lascia nemmeno untuosità in giro.

Foto d'archivio, sempre utile.

Foto d’archivio, sfocata e sempre utile.

Per il resto del viso ho preparato un’acqua micellare home made, che però – detto francamente – è molto meno efficace della Bioderma (che prima o poi ricomprerò). L’ho fatta con una goccia di shampoo biologico, una di gel di aloe e un po’ d’acqua (diciamo mezzo bicchiere).

  • Detergente

Inutile che ve lo dica: sto terminando la seconda (nonché penultima) confezione di Maisenza, prodotto Lush in edizione limitata natalizia molto amato dall’intero globo terrestre per la cui produzione, a quanto pare, era necessario l’impiego di un intero esercito di elfi domestici e di nanotecnologie sofisticatissime (altrimenti non mi spiego i motivi del mancato inserimento tra i prodotti permanenti).
Ma comunque, Maisenza esfolia il viso senza aggredirlo, ha un odore fantastico di cheesecake e lascia la pelle morbidissima. Ti ho molto amato Maisenza, quando finirò anche l’ultima confezione piangerò calde lacrime.

Foto riciclata da precedente post

  • Tonico

A seconda di come mi gira alterno la mia adorata acqua termale di Avène – spruzzata in faccia senza pietà – al  tonico di The All Natural Face a base di petali di rosa e altre cose che non so tradurre, dono della mia amata Julia. È davvero molto delicato (forse troppo?) ma lenisce eventuali rossori dovuti a un uso troppo aggressivo e smodato di Maisenza.

Grazie, Ju!

Grazie, Ju!

  • Contorno Occhi

Ho scritto la recensione di questo prodotto da me amato e acquistato (lo specifico, vedrete più avanti perché), ma visto lo scarso interesse suscitato su feisbuc ve la propinerò più avanti. Ma veniamo a noi: sto parlando del Contorno Occhi Levigante alla Rosa Mosqueta di Weleda, che sta rendendo felice la mia zona perioculare più o meno come Bradley Cooper rende felice i miei occhi in un senso più metaforico (già, metaforico).
Vabe’, ve ne parlerò, per il momento vi basti sapere che lo uso ogni sera con ottimi risultati. (Sì, sto parlando del contorno occhi, non fatevi confondere dai due lampioni di Bradley).

Lo trovo del tutto pertinente con il post.

  • Siero per il viso e collo

Questo step è da un po’ che lo salto, visto che le temperature sono finalmente clementi, ma d’inverno è stato essenziale. Il siero in questione ovviamente non è altro che il mix di oli iper idratanti di cui vi ho parlato in questo interessantissimo post. Non disdegnerei una versione estiva di questo mix, ma sinceramente quando cominceranno a fare 50 gradi all’ombra non vorrò vedere un olio sul viso nemmeno in cartolina (o in cartonato, fate voi).

  • Crema Notte

A causa della mia nota incapacità di terminare i prodotti, ho ancora sul groppone la crema da notte alla Camomilla di Mineral Flowers, ma poiché non ne amo il profumo spesso o salto lo step della crema (AAARGH!) o la tradisco con una nuova scoperta, il  trattamento levigante alla rosa mosqueta di Weleda, di cui vi parlerò più avanti in questo post poiché si tratta di una crema da giorno. Per il resto la crema alla camomilla, più adatta alla notte per la sua consistenza bella ricca, mi perseguiterà per il resto dei miei giorni finché non riuscirò a terminarla.

Quando un art director vede le mie opere perde un pezzo di anima per sempre

Quando un art director vede le mie opere perde un pezzo di anima per sempre

La Mattina

Di mattina, al suono della sveglia, preferirei detonare fortissimo nell’aere piuttosto che alzarmi; potete immaginare la mia voglia di curare la pelle con prodotti e belletti, specie se all’ora in cui dovrei essere per strada mi ritrovo magicamente ancora in mutande. Certo, se uno impiega quindici minuti per deglutire un plumcake, ci può stare che il tempo si restringa come per magia. Ma perché vi sto ammorbando con questi dettagli piccanti del mio quotidiano?

  • Detergente

Raramente nelle ultime settimane ho utilizzato un detergente per il viso, e questo per diversi motivi:
1) la mancante voglia di vivere delle 7 di mattina
2) il mancante tempo delle 7 di mattina
3) spesso la mia pelle non ne ha bisogno, basta un po’ d’acqua e una strofinata di asciugamano.

Nei casi in cui però ho tempo, voglia di vivere e una untuosità diffusa, uso il Gel Detergente Rinfrescante ViviVerde Coop, che avrei dovuto far avere a Misato per uno swap ma che ho furbamente dimenticato a casa quando potevo. Buhauah, è mio, è mio! Non sai che ti perdi, cara Misato. La cosa che preferisco è l’odore fresco e piacevole, così come la consistenza – un gel leggero e frescolino. FINE. Non mi pare che deterga granché (questo aspetto l’ho sperimentato la sera dopo lo struccaggio, e per cotal motivo l’ho trasferito al reparto Mattina) e per di più dopo che lo uso la mia pelle inscena una protesta tirando leggermente. Non ci siamo. (Dico, con ogni probabilità va benissimo per le pelli grasse, eh).

Una foto degna di Josef Koudelka, proprio.

Una foto degna di Josef Koudelka, proprio.

  • Tonico

Anche qui, mi sparo l’acqua termale solo se ho tempo, voglia o necessità, altrimenti – in questo periodo – è davvero raro che ne usi uno al mattino. Sono una vera panc, lo so.

  • Crema Idratante

Sto provando con grande soddisfazione un altro prodotto Weleda, questa volta però inviatomi dall’azienda*: il Trattamento Levigante alla Rosa Mosqueta. Avevo scritto lunghe considerazioni su questa crema, ma era diventata una review a sé e per non appesantire il post e condurvi celermente alla morte ho pensato di scrivere un post a parte, che vedrete prossimamente. In due parole, però, posso dirvi che mi sto trovando molto bene e che – sinceramente – non me l’aspettavo. L’eco-bio mi stupisce sempre più e non mi fa rimpiangere le vecchie creme ai siliconi.

*inutile dirlo ma è bene specificarlo: Weleda non mi ha pagata, né mi ha chiesto una recensione. Le mie stupide opinioni sono sempre sincere.

  • Contorno Occhi

Fondamentalmente è il medesimo di cui sopra, ma ogni tanto gli alterno l’odiato gel contorno occhi Lavera, che dalla sua ha due pregi: dona una sensazione di freschezza e si assorbe più velocemente (grazie, non mi idrata una mazza). Fondamentalmente infatti la mia zona perioculare  è ancora ben idratata dalla sera precedente, e ci può stare un prodotto leggero (aka che non mi idrata una mazza). Spero di finire questo tubetto Lavera da almeno un anno, ma so che mi seguirà nella tomba insieme alla crema alla Camomilla.

Se dopo questo post siete sempre più convinti di volermi pagare un medico (uno psichiatra, of course), fatemi sapere nei commenti. Se avete qualche prodotto da consigliarmi, poi, ancora meglio!

28 Comments
  • lidalgirl
    Posted at 21:04h, 09 maggio Rispondi

    PERTINENTISSIMO.
    E in senso metaforico.

    Sei più punk di me comunque, io la mattina detergente a parte metto tutto, in questo periodo pure un siero, pensatté.

    Una certezza in questi giorni l’abbiamo acquisita: niente è così eterno come sembra. Finiranno quelle due creme malefiche, abbi fiducia.

    • gliuppina
      Posted at 16:07h, 10 maggio Rispondi

      In effetti dopo Andreotti può finire anche un contorno occhi, ora lo so. Grazie per avermi donato questa certezza.

      Si sa che tu dietro un aspetto punk nascondi una condotta da studentessa modello, dovrei prendere esempio!

  • Chiara
    Posted at 23:39h, 09 maggio Rispondi

    Ecco.. Ora io mi sento mortalmente in colpa…

    • gliuppina
      Posted at 16:07h, 10 maggio Rispondi

      Ma va’! io fino a pochi mesi fa non facevo niente di tutto ciò 🙂

  • MartaTP
    Posted at 08:01h, 10 maggio Rispondi

    Ciao,
    io non ho una routine completa come la tua diciamo, faccio lo stretto indispensabile, per gli occhi mischio alla mattina gel d’aloe e un mix di oli simile a quello che prepari tu, da grandi soddisfazioni 🙂 Peraltro siccome dormo a pancia in giù (dettaglio che immagino bramassi di conoscere) mi sveglio spesso con gli occhi gonfi e in quel caso funziona benissimo anche far seccare il gel d’aloe da solo su gli occhi. Tornano belli vivaci. Tempo della colazione e tutto si è ben assorbito! Poi crema giorno e trucco…
    Così tanto per darti un’idea alternativa al contorno occhi della lavera. Baci

    • gliuppina
      Posted at 16:08h, 10 maggio Rispondi

      ciao Marta! Uh bellissima l’idea del gel con gli olietti *__* l’aloe è super rinfrescante, devo recuperarla ora che comincia a fare caldo.
      Grazie del suggerimento : )

  • Chiara
    Posted at 08:35h, 10 maggio Rispondi

    Quel tonico TANF sembra promettente :3 devo vedere se si può ordinare anche da uno store europeo :3

    • gliuppina
      Posted at 16:09h, 10 maggio Rispondi

      Chiederò alla mia amica dove e come se l’è procurato e ti faccio sapere!

  • Country Rose
    Posted at 09:47h, 10 maggio Rispondi

    Che bellissimo post! Inutile dire che devo comprare quel detergente Coop! Per Lush non posso farci niente. Non ce l’ho qui da me e non voglio fare ordini! Non tentatemi! 😛

  • Alquanto Inutile
    Posted at 13:49h, 10 maggio Rispondi

    adoro questi post *_*

    • gliuppina
      Posted at 16:11h, 10 maggio Rispondi

      Geee, sono contenta 🙂 io mi annoio anche a rileggermi!

  • francimakeup
    Posted at 14:36h, 10 maggio Rispondi

    Io ho una pelle mista e con il Vivi Verde Coop mi trovo bene odore a parte.

    • gliuppina
      Posted at 16:12h, 10 maggio Rispondi

      la mia è più tendente al secco, sarà per questo!

  • ilaria
    Posted at 15:35h, 10 maggio Rispondi

    Attendo con ansia il post sul contorno occhi weleda. E sulla crema! Devo rivedere la mia routine in vista del caldo in arrivo, anzi qua è giá arrivato! E poi adoro leggerti 😀

    • gliuppina
      Posted at 16:13h, 10 maggio Rispondi

      <3 grazie Ilaria! le recensioni sono pronte, devo mettere qualcosa a posto e fare le inutili foto ; )

  • Insane Bazar
    Posted at 19:49h, 10 maggio Rispondi

    Gli occhi di Bradley Cooper potrebbero rimbambire anche mia nonna 😉 Voglio assolutamente provare il contorno occhi di Lavera! ne ho sentito parlare un sacco bene!
    Sempre molto interessanti i tuoi post 😉

    Miss Piggy

  • Daniela@S&R
    Posted at 23:30h, 10 maggio Rispondi

    Anch’io volevo fare un post del genere, prenderò spunto :*
    Io uso l’acqua di rose al posto del tonico, per me puzza, ma è ottima sulla pelle *.*

    • gliuppina
      Posted at 00:08h, 11 maggio Rispondi

      oh, aspetto il post *__*
      così vedo anche che acqua di rose utilizzi, io la amo (quella classica Robert’s o di marche simili) nonostante quelle in mio possesso siano piene di conservanti (e infatti le uso per fare il bifasico!) *____*

  • cruezadema
    Posted at 00:10h, 11 maggio Rispondi

    il Maisenza di Lush mi fa incavolare ogni volta che lo vedo,volevo provarlo ma ovviamente il mio tempismo mi ha fatto capire tardi che si trattava di una L.E( e chiamate un’edizione limita Maisenza?! voi di Lush?-.-).

    mi piace leggere i post sulla skin routine peccato che poi mi viene voglia di aggiungere sempre qualcosa,rischio di superare la mezz’ora,che vergogna!

    nella foto mi aspettavo anche Bradley,confesso(te lo meritavi)

  • laura palmer
    Posted at 08:40h, 11 maggio Rispondi

    aaaaaahhhhhhh Bradley!!! che gran manzo *____*
    per me puoi metterlo tranquillamente in ogni tuo post XD

    mi ha sempre attirato l’acqua termale di Avène ma ovviamente mi ha sempre trattenuto il prezzo non proprio friendly però se dici che ti ci trovi bene magari le do una chance 😉

  • Giofanny
    Posted at 15:32h, 11 maggio Rispondi

    ho cercato per tutto il web il motivo del ritiro di maisenza, la tua spiegazione è la più logica :p
    Uso anche non ti scordar di me, è favoloso.
    Dovrei iniziare ad usare un contorno occhi, il tuo diminuisce anche le occhiaie?grazie ciao ciaoo

  • Blanche
    Posted at 15:41h, 12 maggio Rispondi

    Ogni volta che qualcuno mi nomina il Maisenza, che non ho nemmeno potuto provare, muoio un po’ dentro. Sappiatelo e regolatevi di conseguenza. (Comunque, la tua congettura sul perché abbiano fermato la sua produzione mi sembra del tutto plausibile!).
    Ah, e Braldley mi sembra assolutamente coerente con il discorso e necessario al fine di facilitare la comprensione del post.
    Sai che io trovo interessanti anche i post in cui parli della vita dura degli acari della polvere quindi sì, aspetto con ansia il post sulla crema Weleda, anche se ne ho scoperto l’esistenza solo ora 😀

    P.S. A proposito di palestre, io penso di aver già fatto un passo avanti per essermi presa la briga di cercare i prezzi su internet. Tra un paio di mesi forse – forse – troverò la forza di andare a domandare se fanno lezioni di prova.

  • Allie
    Posted at 22:31h, 12 maggio Rispondi

    Maisenza ;_; mi manca tanto. Maleficamente gli hanno dato quel nome per poi farmi vivere per mesi e mesi SENZA di lui. Crudeltà infinita *sob*

  • tizy1289
    Posted at 21:37h, 30 maggio Rispondi

    Voglio provare quel detergente di Coop.
    Io mi pastrugno il muso più che altro di sera: al mattino son talmente assonnata che è già tanto che riesca a riempire una moka, figuriamoci se mi ricordo di usare un mucchio di prodotti. Sulla domenica sorvoliamo: scendo dal letto attorno alle 13, ormai l’ora della skinroutine del mattino è passata da un pezzo! X°°°D

    • gliuppina
      Posted at 14:09h, 08 giugno Rispondi

      ahahhahaha anche io la domenica salto completamente una parte della giornata XD

  • Top 2013: Make-up & more | Vanity Nerd
    Posted at 21:02h, 15 gennaio Rispondi

    […] 1)Lush – Maisenza […]

Post A Comment