Technique da Mac (tragiche storie di make-up)

Premessa: su questa storia hanno già detto tutto Drama&Makeup e Takiko (cliccate sui loro nomi per leggere i post). Era dunque necessaria anche la mia campana? ovviamente no! Potevo però tacere? ovviamente no! Amo lamentarmi? Sì, quindi purtroppo vi beccate anche il mio post. Bacini.

P.s. alla premessa: ho evitato di scrivere alcune cose che mi hanno fatto girare le balle perché già le hanno scritte perfettamente le due donzelle che vi ho linkato prima. Quindi se vi sembra che io mi lamenti per poca roba, forse è il caso di leggere anche i loro post. Basta, ho finito, la smetto!

Quando losche persone mi hanno proposto di partecipare a una Technique da Mac non ho esitato a dire SI come se stessi accettando la proposta di matrimonio di un ricco ereditiere amante dei gatti.

 Fonte

Fonte
Ma sì, va bene anche Joseph con un gattino nel cappotto. Scusa Andrea.

Una Technique non è altro che una sorta di lezione durante la quale un/a mua (make-up artist, truccatore/trice) trucca una modella mostrando le tecniche utilizzate alle partecipanti, che intanto si truccano seguendolo/a passo passo.

La nostra lezione era focalizzata sugli occhi (e in teoria sull’applicazione dell’eyeliner) e io non vedevo l’ora di apprendere qualche oscuro segreto per rendere i miei trucchi da banali e scontati a tecnicamente perfetti. Ma ecco il mio commento a questa esperienza:

rovescio tavoli

Se volete anche la parte verbale, tenterò di essere breve.

Iniziamo dal fondotinta: a tutte le partecipanti è stato dato lo stesso medesimo prodotto (in diverse tonalità), il Matchmaster. Pesantissimo per la mia pelle, mi sembrava di avere un mascherone. Un mascherone esotico, tra l’altro, visto che sul mio viso si sono appiccicati TUTTI i peli del pennello duofibre di cui ora non mi ricordo il numero ma vade retro.
(È il 187 comunque).

Re Julien. La cosa più esotica che mi sia venuta in mente.
Fonte

Avrei avuto una gran curiosità di provare il Face&Body, fondotinta amato da Chia (e non solo) che magari – se mi fosse poi piaciuto – avrei potuto prendere. E invece no. Il clima non era certo quello rilassato in cui una rompiballe dal suo scranno poteva mettersi a fare richieste, anzi, sembrava che non ci fosse tempo per nulla. Quindi, aaamen.

Come correttore ci è stato dato solamente il Select Cover Up nella tonalità NW20. Esattamente quello che ho a casa e che uso poco perché è un colore in base fredda e troppo chiaro  per le mie occhiaie. Ottimo. Un’altra chance di provare prodotti nuovi sprecata.

A parte i prodotti per la base, gli altri erano posti sul tavolo in modo sparso e casuale. Che idea geniale! Infatti per quanto riguarda il trucco occhi, su di me si sono abbattute svariate sfighe: l’aver beccato una matita verde scuro al posto di una nera (l’Eye Khol nel colore Tarnish), che al tocco del pennello mi ha fatto un bell’alone informe, e aver provato a truccarmi con una palette – una  Veluxe Pearlfusion Shadow nel colore Greenluxe (vd foto) – che definire oscena è poco. Colori glitterosi che svanivano via alla prima sfumata, una tragedia che non credevo possibile. Mi sembrava di essere tornata indietro nel tempo, quando non usavo il primer e mi affidavo a ombretti scadenti. A proposito di primer: come base mi sono beccata il Paint Pot Painterly, una base cremosa totalmente opaca e rosata, una cacca su di me. O forse una cacca in generale.

Fonte: www.musingsofamuse.com

Nel tentativo di mettere a posto un trucco orripilante costituito da una macchia verde-grigiastra non riuscivo nemmeno a seguire bene i passaggi della truccatrice. Alla fine mi sono fatta passare un quad con quattro ombretti opachi e pigmentati sulle tonalità del grigio e ho posto un po’ rimedio. Però nel complesso era un trucco demmerda che non faccio nemmeno alle sette di mattina senza aver preso il caffè.

Ah, dell’eye-liner nessuna traccia. La truccatrice lo ha chiesto alle altre mua che hanno scosso la testa col terrore negli occhi, come se avesse fatto domanda per un etto di plutonio.

Alla fine per tagliare corto (era tardi, eh) ci hanno anche proposto un gloss «dato che avete caricato tanto gli occhi». Say what? A gran voce abbiamo invocato rossetti rossi e io ho provato per la prima volta Ruby Woo. Non pensavo che un rosso opaco potesse starmi male E INVECE. C’è da dire che insieme alla matita Cherry ha resistito pressoché indenne alla pizza di Spontini, roba che Russian Red forse se la sogna, ma vabe’.

Poorly Drawn Lines dice tutto:

 Fonte: Poorly Drawn Lines (non ringrazierò mai abbastanza S. per questa perla)

Fonte: Poorly Drawn Lines
(non ringrazierò mai abbastanza S. per questa perla)

Forse eravamo troppe (sette), non lo so, ma c’è stata zero personalizzazione, molta fretta e la mua fisicamente non poteva seguirci e correggerci. Detto senza troppi giri di parole, per chi come noi è abituato a truccarsi quotidianamente è stata una “lezione” inutile se non deleteria (nel senso che mi ha fatto sentire una totale incapace quando qualcosina credo di saperla fare anche io).

COMUNQUE. Non vi ho detto che la lezione non è mica gratis, anzi: si paga ben sessanta euro redimibili in prodotti. All’inizio pensavo che avrei provato così tante cose da desiderare TUTTO e non sapere come spendere quel buono, invece dopo la Technique vagavo per il negozio percependo la fretta da parte delle mua di chiudere  baracca senza sapere cosa prendere. No idea. Nope.
Sono riuscita a prendere delle cose totalmente sbagliate (un primer paraffinoso, una matita per sopracciglia troppo chiara), ma sono riuscita a sostituirli ed ecco cosa ho preso alla fine:
1) Piegaciglia: mai avuto uno!
2) Blush Frankly Scarlet: copiato a Takiko, è pigmentato da morire. UAO.
3) Matita automatica per le sopracciglia Spiked, sembra una figata e ne ho sentito parlare fino allo sfinimento dalle mie amiche bloggerzz.
New in!
Per quel che mi riguarda sono più che certa che questo episodio non sia la norma ma un’eccezione: ho sentito parlare sempre bene delle Technique e mai mi sarei aspettata una delusione di questo calibro. C’è da dire che io e la sfiga, in queste cose, andiamo sempre a braccetto per cui non vorrei stupirmi più di tanto.

La cosa positiva di tutta questa pagliacciata è stato condividere grasse risate con delle amiche (blogger e non!), farmi ritoccare il rossetto da Bea superando l’imbarazzo di quanto fossi ridicola truccata in quel malo modo e la pizza di Spontini, che ci sta sempre bene e rimette a posto quello che non va.

Ora la smetto di blaterare e vado a produrre qualcosa per il givauei, di cui parlo da settimane e di cui ci siamo già sfrantumati i marroni ancor prima della sua esistenza. Adios!
36 Comments
  • Fran
    Posted at 15:24h, 23 febbraio Rispondi

    un etto di plutonio!! X°D
    Mamma mia, ma quella palette era in regalo con il Cioè nel 1994, ricordo bene? HORROR!
    Meno male che ti hanno cambiato i prodotti, i 3 che hai preso sembrano perfetti… se non ami il piegaciglia, sei una persona di cacca! U_U

  • Misato-san
    Posted at 15:27h, 23 febbraio Rispondi

    sto morendo. cioè lo sai quanto ci sono rimasta male per voi però sto morendo, riesci a rendere memorabile persino una cosa da dimenticare come questa… secondo me 7 persone non sono tante per poter essere seguite tutte, se lo si vuol fare però!

    Sul correttore NW… potrebbe essere troppo chiaro (no idea XD ma è una tonalità che danno spesso perché la considerano universale per pelli non medie diciamo…) però credo che vi abbiano dato quello perché in casa MAC si dice spesso che sia più adatto alle occhiaie del NC (vedi technique di Fra con Magnani per una delle mille referenze, a me lo spiegò Shadi mon amour 3 anni fa quando mi mandò a casa coi compiti da fare (= due jarette, Select cover up e Prolongwear, da provare. Scelsi il secondo XD).
    Insomma… non mi fa strano, poi ci sta che su di te funzioni poco, se ce l’hai a casa l’avrai visto in varie condizioni di luce e hai più idee di me per ovvi motivi ^^

    faccio il tifo che amerai la Spiked, mentre per Frankly Scarlet… sono 3 anni che lo lumo tantissimo, ma ho già due fard rossi molto molto pigmentati, un terzo mi sembra troppo XD

    e poi… RUBY WOO!
    e me lo dici da qui che hai provato Ruby Woo! Ma io ti rapisco Irene come punizione! XD

  • shoppingandreviews
    Posted at 15:29h, 23 febbraio Rispondi

    *rovescio tavoli* -> me la salvo xD sento che tornerà utile xD
    anche la gif di Poorly Drawn Lines, è stupenda <3
    scemenze a parte, mi spiace un sacco per come si è svolta 🙁 per fortuna eri in ottima compagnia e il resto della serata è stato piacevole <3

  • Beatrice
    Posted at 15:29h, 23 febbraio Rispondi

    Sto morendo XD mentre leggevo ho rivissuto le scene nella mia testa e mi è venuto il singhiozzo.
    La prossima volta esigo di vederti con Frankly scarlet *__*

  • lidalgirl
    Posted at 15:33h, 23 febbraio Rispondi

    Ma sono una milanese strana se dico che la pizza di spontini mai mangiata in ventisette anni?
    Per il resto è proprio una caduta da parte di MAC, affidare una seduta che si chiama technique ad una mua che evidentemente non è sufficientemente preparata (o ha è scazzata, il che è anche peggio) è proprio pessimo.

  • eirene06
    Posted at 15:34h, 23 febbraio Rispondi

    Peccato, dovrebbe essere un’ottima occasione anche per loro per far provare prodotti nuovi e farci cadere in sconosciute e avviluppanti reti 😛
    Ogni tanto ricevo il messaggino di invito dal negozio ma lo ignoro, da sola credo perderei gran parte del divertimento e non sarei sicura di trovare delle compagne che mi aiutino a dire in coro no al gloss XD

  • Elli
    Posted at 15:36h, 23 febbraio Rispondi

    E’ un vero peccato leggere questi post, io per ora ho partecipato ad un solo technique, ma a Torino. C’era Agostina come “insegnante” e la lezione mi è piaciuta davvero moltissimo! Se non ricordo male noi eravamo 6/7, ma c’erano altre due mua del negozio che ci seguivano nella realizzazione dello smokey. Io a dire la verità mi sono trovata male al pro store, ho beccato forse l’unica mua mac davvero incompetente che non sapeva che smoked purple fosse un colore pro e tanto meno sapeva di che colore stessi parlando, mi stava cercando un marrone =.=

  • Foffy
    Posted at 15:40h, 23 febbraio Rispondi

    Lo so che dovrei povare un senso di disapprovazione, ma sto ridendo molto, soprattutto per la scelta delle immagini XD
    Sei una di quelle persone che rende luminosa una giornata grigia.

  • Soffice Lavanda
    Posted at 15:53h, 23 febbraio Rispondi

    Avremmo potuto rovesciarlo un tavolo. Almeno uno…

  • MonSacDeCosmetique
    Posted at 16:04h, 23 febbraio Rispondi

    Anche io ho fatto questa sorta di “seminario di make-up” da mac, poco tempo fa. La mia reazione è stata identica alla tua, sembrava quasi che i prodotti messi sul tavolo fossero tutti scadenti, a noi hanno dato la BB cream compatta al posto del fondo…io dopo un’ora neanche avevo tutto il viso lucido…il nuovo primer era pieno di glitter rosa, allucinante pacchianata anni 80. Sul mio blog ho raccontato bene tutta la storia, ma sono rimasta proprio male. Mi aspettavo qualcosa di più alto livello.

  • Brandy Alexander
    Posted at 16:35h, 23 febbraio Rispondi

    Mi sono già espressa a sufficienza sotto gli altri post, non posso che ripetere il mio orrore per la vostra esperienza D:
    Credo che spenderei 60€ per una technique solo se avessi già in lista tre prodotti che so di voler comprare assolutamente per evitare questo tipo di delusioni! Speriamo siano veramente l’eccezione comunque :/

  • Alessandra - La Bisbetica
    Posted at 17:25h, 23 febbraio Rispondi

    Credo sia la prima volta che commento (vergogna su di me!), ma ti ho letto già altre volte e devo assolutamente dirti che fai piegare dalle risate. Immagino che l’esperienza non sia stata affatto divertente, conoscendomi sarebbe stata materia prima per incubi e paranoie per almeno sei mesi. Frankly Scarlet <3!

  • darknessm
    Posted at 17:33h, 23 febbraio Rispondi

    Sono triste per la vostra esperienza ma non posso fare a meno di ridere come una scema, la scelta delle immagini è stata spettacolare XD
    Fortuna che eravate tutte voi assieme, penso che se mi trovassi in una situazione simile ma da sola mi sentirei davvero di aver buttato 60 euro e sprecato il mio tempo :<

  • Ariel Make Up
    Posted at 17:54h, 23 febbraio Rispondi

    Anche io sto rotolando dalle risate (il rovescia-tavoli è epico X°°°D) però sono anche sconcertata: non ho mai partecipato a queste Techniques ma immagino le aspettative che avevate su quella lezione. E ovviamente immagino la bella delusione D: Un vero epic fail da mettere al più presto nel dimenticatoio…. Probabilmente se fossi stata al vostro posto avrei avuto anche io l’istinto di lanciare qualche tavolo per aria ò.ò

  • Chiara
    Posted at 18:09h, 23 febbraio Rispondi

    Io per 60€ pretendo di uscire con un trucco FIGO, una massa informe se la tenessero per loro è__é
    Mi spiegate poi com’è che una technique sull’eyeliner non ha visto la presenza dell’eyeliner? >_<

  • Annalisa
    Posted at 18:26h, 23 febbraio Rispondi

    Come ho detto anche a Drama, siete state davvero sfortunate perchè di solito le fanno in modo più carino e la mia devo dire fu decisamente divertente.
    Ognuno scelse da se cosa voleva quasi su tutto (mi pare che i paint pot e le matite ce li passarono loro) proprio perchè, giustamente, si rendevano conto che potevamo in tal modo provare qualcosa già adocchiata e magari comprarla. Poi boh, la vostra è stata fatta con un pizzico di incompetenza secondo me: le palette Veluxe non sono fatte per creare sfuamture, ci credo bene che non vi veniva nulla di buono! Come mi spiegò anche Massimo (mua al Pro di Roma), le Veluxe nascono per creare giochi di riflessi su basi già colorate, tipo fai la palpebra viola con un cremoso poi picchietti i glitter (perchè in effetti sono tali) e fai giochi di luce, usate così hanno un senso e sono pure molto belle, assolute invece possono solo fallire u.u
    Poi il clima fu molto disteso, si rideva, si scerzava e i ragazzi davano una mano a chi era in difficoltà (ad una delle ragazze il trucco è stato fatto quasi completamente da un mua), nessuno ha mostrato fretta o segni di impazienza. Ovvio che si tratta soprattutto di una cosa per principianti, in un paio d’ore e insieme ad altra gente non possono spiegare chissà, tra l’altro sanno bene che ci sono quelle come te – ovvero tutt’altro che noob – ma anche quelle che sanno fare poco e nulla e se mostrano tecniche complesse rimangono confuse e basta.
    Comunque dovevate fare faccia tosta, voi avete pagato e avete diritto quanto meno a testare ciò che vi garba -.-

  • Robiwan
    Posted at 18:30h, 23 febbraio Rispondi

    la prossima volta portati irene nella borsa e tirala fuori alla frase sui gloss. Sarà lei a far si che quei 60€ valgano qualcosa XD
    Comunque mi son già letta gli altri due post ma il tuo mi ha fatto letteralmente rotolare… spargo cuori X°D

    ma com’è che ruby woo ti sta male? lo stavo pensando quasi un rossetto universale! (così. sulla fiducia)

    certo che se avessi fatto 200km per una technique dal mac piu vicino mi sarei decisamente stizzita >_>

  • francimakeup
    Posted at 18:30h, 23 febbraio Rispondi

    Io l’ ho fatto alle Gru di Grugliasco, Torino ed è andata in modo diverso. Siete state sfortunate, la prossima volta venite a Torino 🙂

  • Ery
    Posted at 18:33h, 23 febbraio Rispondi

    Unica consolazione i prodotti che ti sono rimasti.
    Io però ho una teoria: la mua lo ha fatto per voi, per il vostro bene onde evitarvi di desiderare troppi prodotti e quindi spendere più dei 60€. Santa donna!
    XD

  • Pinnù
    Posted at 19:05h, 23 febbraio Rispondi

    Mi spiace sembrare una gran st…upida, ma ho riso troppo! Lo sdegno c’è giuro, ma l’ho espresso nei post delle tue amiche di sventura! Io non sarei stata molto tranquilla, probabilmente qualcosina l’avrei detta e che caspita, 60 euro non si trovano sotto i funghi (almeno non da queste parti ecco)… com’è che Ruby Woo non ti sta bene? Sicura sicura??

  • claudiaserpe
    Posted at 19:28h, 23 febbraio Rispondi

    io sono sempre più sconcertata leggendo di questo disastro sui vostri blog! vi prego lamentatevi! è assurdo che sette persone debbano usare lo stesso fondo e correttore sbagliato! mi dispiace 🙁

  • Bridget Jones L'eleganzaDelRiccioBlog
    Posted at 19:55h, 23 febbraio Rispondi

    matrioska di diludendo!(cit) ma come si fa? in quel momento mia cara MUA tu rappresenti il brand! io ci sarei rimasta malissssssimo (ma credo che sia stato così anche per voi) -_-‘

  • laurapalmermakeup
    Posted at 19:59h, 23 febbraio Rispondi

    nooooooo che caduta di stile da parte di un brand così rinomato! io li avrei salutati con un sonoro *vaccagar*

    ma come mai Ruby Woo ti sta male?! non ci credo finché non ti ci vedo

  • Make-up-deer
    Posted at 20:57h, 23 febbraio Rispondi

    mi fai morì XD comunque peccato davvero!! io non ho mai partecipato ad una Mac technique e nonostante i vostri commenti negativi se avrò occasione proverò (nel caso vada male ho una lunga lista di prodotti Mac da comprare :P), la spiked ad esempio vorrei riprenderla…

  • Beauty0nMars
    Posted at 22:53h, 23 febbraio Rispondi

    Mi dispiace tanto davvero! Painterly è un mio grande amore, mi dispiace che non ti sia piaciuto ma effettivamente è bello rosato e si vede che per te non va bene… ^^

  • Alis
    Posted at 00:04h, 24 febbraio Rispondi

    Avevo già letto anche gli altri… che esperienza meh
    Siete state proprio sfortunate, anche io avevo sempre sentito parlar bene di queste technique!
    Il blush comunque sembra bellissimo… così come il piegaciglia!!!

  • Stefania Nude Powder
    Posted at 00:54h, 24 febbraio Rispondi

    Ahahha mamma mia che ridere, mi sono spanciata leggendo questo post XD Non per mancanza di tatto eeeeh, io il tavolo l’avrei ribaltato davvero mi sa! Se facessero una di queste lezioni anche nello store di BG andrei al volo, ma ho come l’impressione che non mi andrebbe tanto meglio…Però vabbè, vi sarete fatte 4 risate almeno, e soprattutto ti sei portata a casa 4 prodotti niente male 😉

  • LaMary
    Posted at 01:14h, 24 febbraio Rispondi

    La palette!! Ma sicura fosse di MAC?! Da dove l’hanno tirata fuori? Dì la verità era caduta sotto gli scaffali 20 anni fa e l’hanno ritrovata spolverando e ti è finita sul tavolo! Eh? Dimmidisì! ;D
    Ho già letto anche il post di Takiko e ho epresso anche lì il mio oVVoVe!
    Vorrei mandarti un abbraccio di consolazione, c’è di buono che almeno avete passato del tempo insieme e vi siete divertite 🙂

  • thegirlwithn
    Posted at 12:48h, 24 febbraio Rispondi

    Ma io ti adoro già:) sei fantastica!!! Mi hai fatta crepare dalle risate! Sei geniale! Comunque quando hai spiegato il tipo di fondotinta e poi il correttore mi è venuto in mente il
    Video che fece frank matano un po’ di anni fa su come truccarsi. Cercalo su youtube e capirai che intendo;) un bacio
    Nati

  • Federica | LFR
    Posted at 16:23h, 24 febbraio Rispondi

    Che sfiga! Penso mi sarei mangiata le mani e no, non credo che 60€ di prodotti sarebbero poi stati sufficienti a togliere l’onta di inutilità che avrebbe caratterizzato un’esperienza del genere. Non avere nemmeno il tempo per poi acquistare ciò che si voleva, poi.. insomma, un po’ “meh” :/

  • Camilla - Camélie MakeUp
    Posted at 22:16h, 24 febbraio Rispondi

    Ohhhhh, allora non sono stata l’unica sfigata?!
    Anche io ho fatto questo seminario qui a Firenze e… stessa cosa, anche io ho scritto un post, infatti!
    Secondo me il problema di base è che se uno un minimo è abituato a truccarsi, non serve veramente a nulla.. io ho avuto la fortuna di carpire 1-2 consigli, ma niente di più!
    E poi sì, anche io mi sono sentita totalmente capace e un po’ mortificata… della serie cavolo, ho aperto un blog, ci ho messo la faccia, tutti mi fanno i complimenti quando mi trucco… poi vado alla Mac a fare sta lezioncina e faccio la figura dell’incapace? E no eh! 🙁
    Il mio paint pot era secco, mi sono capitate due matite che non scrivevano nulla, la base non era per niente adatta alla mia pelle, non mi hanno fatto coprire le imperfezioni… Ci sono rimasta un po’ male!
    Se non altro almeno ho potuto comprare qualcosa, dato che avevo solo 2 prodotti mac (sfigataaaaaaah ahahah).
    Bene, adesso almeno non mi sento la sola ad aver avuto dei dubbi su questa esperienza!
    xxx
    Camilla

  • Serena - Specchio delle mie brame
    Posted at 15:45h, 25 febbraio Rispondi

    sono contenta che tu e le altre abbiate partecipato alla technique perché così almeno hai scritto la tua esperienza che io mi sono divertita tantissimo a leggere!!!! XD
    no dai, scherzi ed egoismo a parte, mi dispiace!!! 🙁 pensa però al lato positivo… hai preso frankly scarlet!!!! ^.^

  • Federica
    Posted at 22:21h, 11 marzo Rispondi

    Buauahaha!! Scusa mi dispiace per l’esperienza pessima, ma mi hai fatto sganasciare! XD

  • Ilaria80
    Posted at 16:16h, 20 marzo Rispondi

    Eri comunque bellissima: sono rimasta folgorata nonostante non abbia inclinazioni omosessuali.
    Il problema è che non erano organizzate (la tmetica era poco definita e i prodotti dati un po’ a caso) e poi in 2 mua x 7 partecipanti… un po’ poche, senza contare che avrebbero dovuto seguirci passo passo, cosa non successa. Sono intervenute giusto con me perchè sono un caso disperato!

  • [Make-up] Most Played di Marzo | Vanity Nerd
    Posted at 21:57h, 02 aprile Rispondi

    […] dato giù pesante col latte di capra del nonno. Bello, bello. (L’ho preso in occasione della Technique da MAC e non me ne sono pentita. Sotto trovate uno swatch […]

Post A Comment