Maybelline: Baby Lips [presentazione e prime impressioni]

Quando ho ricevuto i Baby Lips da testare credo di avere urlato Accipigna con la stessa carica virile di Tonio Cartonio. Devo dirlo, non mi aspettavo di trovare l’intera famiglia di balsami labbra che qualche mese fa mi aveva messa in seria difficoltà con uno dei suoi esponenti, Pink Punch.

Piuttosto che far finta di nulla e tentare di celare il mio torbido passato però proverò a presentarvi tutti e sei i lip-balm.

Una premessa: molti/e di voi sanno che spesso faccio attenzione agli ingredienti dei prodotti che uso (più che altro per la cura del viso e dei capelli, non per quanto riguarda il make-up). Questi prodotti non hanno un inci verde (anzi, contengono petrolatum, un ingrediente che su di me non ha grande potere idratante), ma come avevo deciso di provarne uno di mia spontanea volontà mesi fa ho ritenuto giusto provare anche questi che mi sono stati inviati per scrivere un post che fosse anche minimamente utile e che non si limitasse a ripetere a pappagallo cose già scritte in giro. Spero (ripeto!) possa essere utile a qualcuno, in caso contrario farò del mio meglio la prossima volta!

BabyLips_all

La famiglia dei Baby Lips è divisa a metà dal fattore colore. Metà di questi balsami rilasciano colore – parliamo di Pink Punch (al frutto della Passione), Cherry Kiss (alla ciliegia) e Peach Me (alla pesca) – l’altra metà invece segue un’integerrima linea di sobrietà promettendo idratazione e un SPF 20 – e qui abbiamo Hydrate (al lime), Intense Care (alla mandorla) e Mint Fresh (al mentolo, ovviamente).

Anche se al momento le mie labbra non sono così secche come quando provai per la prima volta Pink Punch, posso dire di non aver cambiato idea riguardo a questo esemplare: il colore non fa per me e si assorbe troppo in fretta per le mie labbra esigenti e rompiscatole. Dei suoi fratelli il più grazioso trovo che sia Cherry Kiss, e anche se su di me si vede poco posso modularlo con qualche passata. Anche Peach Me sulle mie labbra non si nota particolarmente, mentre su persone come la mia amica Euge (grande fan dei Baby Lips) sta davvero bene, pur rimanendo una sorta di nude. Come sempre il risultato varia moltissimo da persona a persona. Tutti e tre scorrono bene sulle labbra ma si assorbono velocemente, tenetene conto se – come me – avete la pelle secca o bevete poco o entrambe le cose.

Da sinistra: Peach Me, Cherry Kiss, Pink Punch

Per un target molto giovane trovo siano perfetti, magari per iniziare a giocare coi colori senza scioccare genitori e parenti. Magari avessi iniziato con loro e non con il gloss dorato che trovai nel Cioè in terza media.

Baby_trasparenti

Da sinistra: Mint Fresh, Hydrate e sotto Intense Care

Per quanto riguarda i balsami trasparenti quello che ho preferito è l’Intense Care alla mandorla: ha un profumo delicato e una consistenza che ricorda i classici burrocacao che tutte abbiamo usato nella nostra vita, soffice e piacevole. Al secondo posto metterei quello al lime (Hydrate), all’ultimo Mint Fresh: non amo la menta sulle labbra nonostante in passato sia stata grande fan della categoria balsami labbra aromatizzati. Questi ultimi due hanno una consistenza simile, idratante ma non burrosa. Tutti e tre hanno un SPF 20 davvero molto utile soprattutto per girare in città (in spiaggia userei qualcosa di più strong), e dal momento che si assorbono abbastanza in fretta si adattano bene alla stagione calda.

Dato che come balsami labbra cerco prodotti ancora più idratanti (ebbene sì) li ho usati come primer sotto rossetti opachi e molto secchi; li ho trovati efficaci per stendere bene il colore senza dover imprecare in varie lingue.

Vista la mia passata esperienza direi che questi lip-balm sono più gradevoli da usare in primavera/estate, quando la pelle è meno secca e le labbra sono meno esigenti. Se comprate solo prodotti a inci verde non posso consigliarveli, ma credo che questo lo sappiate già.

BabyLips_box

La scatola super colorata è opera dell’artista Nicolò Camaiora, che ispirandosi alla Pop Art ha creato un nuovo linguaggio, le Iconlips, con cui comunicare attraverso l’app dedicata su Facebook (la trovate qui). Ogni colore di Baby Lips ha ispirato queste nuove emoticon, come si vede in questo video. Io mi sento un po’ cresciuta per le emoticon ma l’idea di coniugare arte e make-up è sempre apprezzata.

Disclaimer: post sponsorizzato, le opinioni espresse sono del tutto personali et sincere.

Maybelline Estate 2014

13 Comments
  • Foffy
    Posted at 12:41h, 14 giugno Rispondi

    Il gloss dorato del Cioé…quello sì che era una ciofeca XD

    • gliuppina
      Posted at 12:48h, 14 giugno Rispondi

      però quanto era orgogliosa mia madre del fatto che finalmente mi stessi avvicinando al Lato Oscuro? XD

  • Amo il viola!
    Posted at 20:56h, 14 giugno Rispondi

    Complimenti, non hai perso la tua ironia! Per festeggiare vorrei offrirti un Tiramisuper o una Scivolizia! 😉

    • gliuppina
      Posted at 17:50h, 15 giugno Rispondi

      Un Tiramisuper lo accetto volentieri, grazie XD
      <3 <3

  • Serena - Specchio delle mie brame
    Posted at 14:31h, 16 giugno Rispondi

    se vi avanza un tiramisuper lo prendo volentieri anch’io, grazie!!! XD
    comunque io adoro il lime e credo quindi che proverò la versione hydrate!!! ^.^

    • gliuppina
      Posted at 22:56h, 16 giugno Rispondi

      ha davvero un buon sapore quello al lime, sì! *__*

  • Ena
    Posted at 02:02h, 20 giugno Rispondi

    Son delle ciofeche, però l’ ‘involucro’ è stupendo, diamo a Cesare quel che è di Cesare! 😉

    • gliuppina
      Posted at 12:43h, 21 giugno Rispondi

      Ahahahahaah 😀
      piace anche a me, sono una bimbominkia!

  • Beatrice
    Posted at 13:37h, 21 giugno Rispondi

    Niente menta nei prodotti labbra anche per me (l’unico deterrente all’uso continuo dei matte balm di Revlon nel mio caso): non riesco a togliermi dalla testa che la menta è uno degli aromi più cheap e capace di coprire gli odoracci per cui quando annuso menta in un rossetto divento sospettosissima quasi all’istante. E poi fa subito dentifricio, che anche no ecco.
    Non avevo pensato ad usarli come primer sotto ai rossetti opachi, mi hai dato una bella idea 🙂

    • gliuppina
      Posted at 18:37h, 21 giugno Rispondi

      Ah, i Revlon…sarebbero perfetti senza quell’odoraccio D:
      Spero funzionino come primer, per me è stata una bella scoperta 🙂

  • Beauty Passion
    Posted at 11:36h, 23 giugno Rispondi

    Ciao, sono passata per nominarti per il Very Inspiring Blogger Award 😉
    http://passionbeautyblog.wordpress.com/2014/06/23/very-inspiring-blogger-award/

  • monikup28
    Posted at 20:23h, 25 giugno Rispondi

    Ciao! Ti ho nominata per il Very Inspiring Blogger Award! http://monikup.wordpress.com/2014/06/25/very-inspiring-blogger-award/ 😀

  • [Freak out!] Instigator di Mac e due ciarle sui rossetti scuri | Vanity Nerd
    Posted at 08:46h, 13 ottobre Rispondi

    […] l’acqua, ovviamente!) e passare un velo di burrocacao iper paraffinoso (nel mio caso il Baby Lips Intense Care, che come forse saprete uso spesso a mo’ di primer labbra), tamponandolo leggermente per […]

Post A Comment