Il mio viaggio in Irlanda: Dublino, Galway e Inis Mor (Aran)

La cosa che mi piace pensare del viaggio che ho fatto questo mese è che sono partita da un’isola (la Sicilia) per approdare su un’altra isola (l’Irlanda) e andare a scoprirne un’altra (Inis Mór).

Non farò un reportage di viaggio perché ho fatto cose molto turistiche che potreste trovare in qualsiasi guida, cartacea o online, e sebbene di base abbia un’avversione per le classiche robe che fanno tutti i turisti/turisti italiani quando partono, non penso comunque di essermi allontanata molto dai loro itinerari (anzi, a giudicare da quanti connazionali ho beccato su Inis Mor direi proprio di no). Vorrei solo raccontarvi a ruota libera qualcosa di questo viaggio durato una settimana, sperando di non indurvi un sonno incontrollabile.

Comincio con una menzione al mega fail della partenza: in aeroporto abbiamo scoperto che l’aereo aveva ben due ore di ritardo su un orario già poco friendly (le 21.20) e soprattutto su un volo di più di tre ore con tanto di fuso orario (+1). Yeee. Abbiamo festeggiato la notizia con delle lasagne dell’autogrill che credo siano state il punto più basso della mia alimentazione, soprattutto considerato il rapporto qualità/prezzo.

Eniuei.

Due giorni a Dublino sono sufficienti per vedere tutte le classiche cose raccomandate da amici, parenti e guide ingombranti; se però come noi vi bruciate un intero pomeriggio alla Guinnes Storehouse forse avrete bisogno di più tempo per godervi la città. Io come sempre ho la sensazione di non aver visto niente, ma vabe’.

(Noi siamo dei noti ubriaconi e la cosiddetta Fabbrica della Guinness era in cima alla lista, ma sinceramente oltre a essermi sentita un po’ il classico turista pollo e ad aver conseguito il prestigioso diploma di spillatura della pinta perfetta credo di aver sprecato il poco tempo che avevo da dedicare ad altre cose più utili).

Ovviamente abbiamo fatto tutte le tappe da turistioidi: Trinity College con biblioteca annessa (meraviglia), Castello di Dublino (meh) e St. Patrick, il cui ingresso costa SOLO cinque euro e cinquanta.

@ Dublin, august 2014

Trinity College – Library

@ Dublin, august 2014

Cinque minchioni al Castello di Dublino

@ Dublin, august 2014

St. Patrick

Dal punto di vista gastronomico il nostro posto preferito (eletto a furor di popolo) è stato Hatch & Sons, dove abbiamo fatto colazione a tarda ora (praticamente un brunch). È un posto esteticamente adorabile in cui praticamente ogni dettaglio è curato, dal bricco di latte piccino picciò alla padellina su cui servono l’Irish Breakfast. Io ho preso uno scone con burro e marmellata che sogno ancora la notte sperando di trovarlo al mattino accanto a me e del pane nero coi semini altrettanto buono.

Lo scone di Hatch&Sons

Lo scone di Hatch&Sons

Foto di Andrea malamente filtrata da me

Foto di Andrea malamente filtrata da me

Galway invece è stata la nostra tappa pre-Aran. Abbiamo preso un ostello super pulito e appena ristrutturato (il Galway City Hostel) in cui ci hanno venduto un pacchetto per raggiungere Inis Mór (pullman + aliscafo + affitto della bici sull’isola).
La città è molto turistica, soprattutto in centro, ma appena superata la via principale si può passeggiare vicino al fiume in assoluta tranquillità. I paesaggi, anche vicino al mare, sono stupendi.

@ Galway, august 2014

Qui il nostro posto preferito è stato senza dubbio The Pie Maker: posto minuscolo dall’arredamento bizzarro e pie buonissime, sia dolci che salate. Non hanno niente a che fare con le nostre torte salate, anzi, credo siano decisamente più buone. L’impasto – chiuso – racchiude solitamente uno stufato di carne o di pollo ed è accompagnato da purè di patate e piselli. Mi sento male al solo pensiero tanto erano buone! Anche quella dolce alle mele era divina, non trovo altri termini per definirla.

Apple Pie e Clipper Earl Grey

the pie maker

La parete tappezzata di righelli era stupenda.

Inis Mór meriterebbe un capitolo a parte, tanto l’ho amata. Desideravo visitare le Aran da quando le ho studiate in quarto ginnasio dal magnifico libro di geografia di Giulio Mezzetti, che le raccontava come selvagge e incontaminate isole di pescatori. Oggi Inis Mór non è esattamente incontaminata, visto che le persone abitano in case normali e c’è  un supermercato, il telefono e addirittura L’INTERNET (ma nessuna farmacia!), ma i suoi paesaggi sono comunque pazzeschi, al limite del commovente.
@ Inis Mór, Aran Islands
@ Inis Mór, Aran Islands

Raggiungerle non è difficile: da Galway abbiamo preso un pullman zeppo di turisti come noi che ci ha portato al porto da cui salpava l’aliscafo (non ricordo il nome della località ma dista un’oretta da Galway). Il tragitto per mare dura 45 minuti, che possono trasformarsi in un inferno se:
1) il mare è più mosso del solito (almeno per i vostri standard che si riferiscono a quella pozza del Mar Mediterraneo)
2) l’aliscafo è pieno di minorenni francesi in gita che cominciano subito a imbottire sandwich (incuranti del maremoto) contenenti Salsa Barbecue, Cheddar fosforescente, Lattuga non lavata e non identificato formaggio a fette
3) i suddetti non stanno fermi un secondo e alla fine scappano a turno per andare fuori a vomitare a fontana.

Ecco, doveste mai andare sulla Aran ricordatevi la Xamamina, non si sa mai. L’Oceano Atlantico non è esattamente come lo stretto di Messina e la traversata può essere burrascosa. Noi abbiamo raggiunto praticamente indenni l’isola e nell’apocalisse gastrica che avevamo intorno abbiamo anche ricevuto i complimenti del marinaio (io, Laura e Andrea pietrificati e attaccati al tavolino davanti a noi. Marinaio:”You guys are ok?” Noi: “We’re fine, thanks”. Il marinaio alza i pollici, sorride e dice: “BOOM”).

Ad ogni modo abbiamo preso le bici – io non ci andavo da undici anni, Andrea ha imparato in loco (!) – e abbiamo girato un po’. La gita più bella e faticosa è stata quella a Dun Aonghasa, il forte preistorico da cui si gode di un panorama spettacolare.

@ Inis Mór, Aran Islands

Dun Aonghasa

@ Inis Mór, Aran Islands

Laura pazza

All’ingresso del complesso monumentale, se così vogliamo chiamarlo, c’erano dei negozietti per turisti che vendevano maglioni tipici e altre cose. Abbiamo scelto quello che tra tutti sembrava il meno farlocco e noi tre Mani Bucate abbiamo comprato un maglione a testa, ammaliati dalla simpatia della negoziante che ci ha anche fatto i complimenti per il nostro inglese (parlate bene per essere italiani).
Claudio e Teresa, più oculati, hanno preso delle sciarpe.

Il mio maglione è verde, e stando alla signora «it matches your eyes, my dear». Chissà. È costato una fucilata ma sembra davvero fatto a mano, cosa che non si può dire di tutti i prodotti venduti sull’isola.

Sembra nero, luce pessima. Irene, guai a te!

Siamo stati sull’isola solo due notti, ospiti nel b&b di Mary Joe, signora gentilissima e disponibile che cucina anche un’ottima full Irish Breakfast. La casa è nuovissima, comoda e in un’ottima posizione. La adoro e già so che se dovessi tornare sulle Aran farei tappa da lei. Quanto al cibo sull’isola non c’è un’enorme varietà di posti, e causa pienone di uno dei due alla fine siamo stati entrambe le sere all’American Bar.

il B&B di Mary Joe

il B&B di Mary Joe. Adorabile!

@ Inis Mór, Aran Islands

vista dalla casa di Mary Joe

Passeggiare per l’isola a ora di cena (dire al tramonto suona troppo stucchevole) è stato sempre molto rilassante e non mi ha fatto rimpiangere la pace che provo nelle isole siciliane (Pantelleria in primis). I turisti spesso vanno a Inis Mór in giornata, così al calar del sole (!) le strade si svuotano e si può passeggiare praticamente in silenzio, molestando animali che non siamo abituati a vedere ogni giorno come cavalli e asinelli.

@ Inis Mór, Aran Islands

Asinelli super amichevoli

Asinelli super amichevoli

Il clima non è freddo come sembra dalle foto in cui siamo tutti intabarrati: il punto è che sulle Aran il vento tira fortissimo ed è necessario proteggersi, mettere qualcosa in testa e sulle orecchie (nel mio caso due berretti in stile Puffo che non mi donavano particolarmente ma che mi hanno salvato, letteralmente. Devo ringraziare il mio amico Stefano per questo consiglio). Per andare in bici mettevo un piumino super leggero (come peso) che ho comprato da Stradivarius; è stato un ottimo acquisto perché si richiude nel suo sacchettino e non mi ha ingombrato in valigia, mentre per passeggiare usavo il parka di Zara,  che ho sfruttato di più in tutte e tre le città. Info davvero poco utili, me ne rendo conto.

Foto di Andrea. Il cappello da Puffo Cattivo era necessario causa vento.

Dopo i nostri due fantastici giorni a Inis Mór siamo tornati a Galway per la nostra ultima notte irlandese, e l’aliscafo è stato super clemente concedendoci una traversata tranquilla. Il karma però ha voluto prendersi gioco di noi, e il pullman che ci stava portando a Galway si è rotto dopo mezz’ora. La cosa più bizzarra è stato l’autista che è riuscito ad accostare, ha detto “I’ll get another bus” sparendo nel nulla e dopo pochi minuti è spuntato con un altro pullman. Dove lo teneva? Forse è un super-eroe in incognito che fa materializzare le cose. Non saprei.

Io, Laura e Andrea abbiamo deciso di sfruttare al massimo il nostro essere all’estero andando al cinema a vedere (in anteprima rispetto all’Italia) Guardians of the Galaxy, l’ultimo film Marvel in cui “recita” anche Bradley Cooper nei panni di Rocket Raccoon (gli dà la voce). Bradley Cooper + procione. Gli dèi mi ascoltano, ne sono sicura. Info inutile: con 10 euro abbiamo preso il biglietto del cinema e un menu comprendente un giga pop-corn e una coca-cola grande. Roba che non sono riuscita a finirli, i pop-corn. Ah, che paese civile! (o forse ci vogliono tutti obesi, non saprei).

tre minchioni

tre minchioni al cinema.

Se a qualcuno può interessare il film spacca i deretani agli ultimi film Marvel, è divertentissimo e geniale. Siamo anni luce rispetto alla noia apocalittica di Winter Soldier, per dirne una. Non so, a me Capitan America fa cascare le scatole dalla noia. Chris Pratt invece è praticamente Iddio e Zoe Saldana è gigafiga anche da verde, vedere per credere.

Eniuei, il viaggio si è concluso molto bene (nessuno mi ha costretto a smontare la valigia o a buttare liquidi, miei grandi timori) anche se al gate io e Laura abbiamo strategicamente indossato il maglione delle Aran che non entrava da nessuna parte. Sembravamo dirette al Polo Nord e credo di non aver mai sentito così caldo in un aeroporto, ma a parte questo non ci sono stati intoppi.

Credo di poter smettere di ammorbarvi con i miei racconti inutili, preferisco dedicare un altro post di deliri e vaneggiamenti per le cose – di makeup! – che ho comprato in Irlanda, ma se voleste vedere altre foto brutte come quelle che ho postato finora potete sbirciarle su Flickr qui.

72 Comments
  • Boo - Insane Bazar
    Posted at 09:56h, 25 agosto Rispondi

    Che meraviglia di vacanza! Mi segno questo post per suggerimenti quando deciderò di andare anche io in Irlanda…
    Il maglione è stupendo, ma le foto dell’isola ancora di più!!!

  • Mel
    Posted at 10:21h, 25 agosto Rispondi

    Foto fantastiche e post divertentissimo! Mi hai fatto venir voglia di lasciare il lavoro e partire subito! Peccato che oggi sia solo il primo giorno dopo le vacanze e che io non abbia più un euro (sempre causa vacanze). Ma ci andrò. Prima o poi. 😛

    Melania
    http://melschoice.wordpress.com

    • gliuppina
      Posted at 12:22h, 25 agosto Rispondi

      Grazie Mel 🙂
      Anche io sono di nuovo al lavoro e senza il becco di un quattrino, ci tocca sognare un po’ mi sa 😀

  • Jasmin
    Posted at 10:37h, 25 agosto Rispondi

    Wow che bel viaggetto 🙂 Non sono ancora mai stata in Irlanda, vorrei andare la prossima estate e sicuramente userò questo tuo post come guida ^_^ Posti meravigliosi…mi hai fatto venir voglia di andarci subito!

    • gliuppina
      Posted at 12:22h, 25 agosto Rispondi

      Spero andrai perché ne vale davvero la pena! io voglio già tornarci <3

  • Sbally
    Posted at 11:09h, 25 agosto Rispondi

    wow foto bellissime, ci vorrei andare presto anche io *_*

  • dramanmakeup
    Posted at 11:24h, 25 agosto Rispondi

    Vorrei commentare praticamente ogni frase ma eviterò.
    Dev’essere stato un viaggio davvero stupendo, io non sono mai andata in Irlanda ma mi piacerebbe, dopo aver letto questo post anche di più.
    La biblioteca del Trinity <3
    Le pies sono la cosa più buona di sempre, io vorrei vivere solo di quelle.
    Che bello il b&b di Mary Joe <3
    La foto degli asini è stupenda ma mi piacciono da morire tutte, anche quelle su flickr.
    Smack

    • gliuppina
      Posted at 12:23h, 25 agosto Rispondi

      È stato bellissimo, sì, anche se mi pento di non aver visto tante cose!
      Pensa che con gli asini mi sono anche fatta un selfie ma sono tremenda e non la pubblicherò mai hahaahhah XD

  • Lisbeth
    Posted at 11:39h, 25 agosto Rispondi

    Ecco, hai risvegliato la mia voglia d’Irlanda. Riuscirò mai ad andarci?
    Devo devo DEVO andare a mangiare in quei posticini meravigliosi!

    • gliuppina
      Posted at 12:24h, 25 agosto Rispondi

      Spero riuscirai mia cara, quei posti meritano tantissimo! <3

  • Ninphe
    Posted at 12:15h, 25 agosto Rispondi

    L’Irlanda è sempre stata una delle mie mete estere (sooooooooon spero tanto) e leggerti mi ha alzato la voglia. Strano vuole che mentre eri in Irlanda pure un altro amico mandava foto via Instagram dell’Irlanda XD XD

    maledetti vi siete coalizzati apposta, dillo! DILLO! XD

    ps: 11 anni senza andare in bici? Uno che non c’era mai andato????????????? WTH???

    • gliuppina
      Posted at 12:25h, 25 agosto Rispondi

      AHAHAHH, a Palermo purtroppo andare in bici equivale a desiderare la morte causa smog, automobilisti stronzi e strade pessime. Per fortuna negli ultimi anni sempre più gente si è convertita e prima o poi -spero- le cose cambieranno anche qui.
      Andrea non c’era mai andato perché i suoi genitori non gliel’hanno mai insegnato 😀 sempre perché da noi si usa(va) pochissimo…

      • Ninphe
        Posted at 12:46h, 25 agosto Rispondi

        Gh io da piccola abitavo a Milano, zona Loreto, e i miei non si sono persi l’occasione di schiaffarmi una bici sotto le chiappe a 4 anni. Per questo mi sembrava stranissimo 😀

        • gliuppina
          Posted at 14:14h, 25 agosto Rispondi

          Eh certo, lo capisco pure! come quando sento dire a qualcuno “non so nuotare” 😀

  • Foffy
    Posted at 13:46h, 25 agosto Rispondi

    Che post bellissimo *o*
    Io amo viaggiare, fare itinerari, credo sia appagante…anche se resta sempre il vuoto di tutto ciò che non si riesce a vedere nel poco tempo a disposizione.
    Le tue foto sono così vissute, mi piacciono tanto ^^
    E ho adorato il marinaio XD

    • gliuppina
      Posted at 14:15h, 25 agosto Rispondi

      Mi comprendi benissimo Foffy <3
      sono contenta ti sia piaciuta questo interminabile post! <3

      Il marinaio ci ha fatto ridere tantissimo in una situazione tutt'altro che esilarante 😀

  • andoutcomesthegirl
    Posted at 14:15h, 25 agosto Rispondi

    Per qualche minuto mi è sembrato di essere lì! Bel viaggio, bell’itinerario, i posticini che avete trovato sono davvero incredibili e ti rendi conto di come sia diversa la realtà lontana da quella che vivi ogni giorno.. Sembra un film, ogni viaggio è un film.

    • gliuppina
      Posted at 23:35h, 25 agosto Rispondi

      Ho provato qualcosa di simile anche io mentre ero lì, la distanza siderale dalla vita di ogni giorno… <3

  • Chiara
    Posted at 14:42h, 25 agosto Rispondi

    Mi hai fatto venire voglia di ritornarci >.< Dublino l'ho già vista, ma le isole Aran no… avevo trovato anche un itinerario viaggio che partiva da Dublino e faceva tappa in località dove hanno girato Games of Throne ^-^ Le pie ripiene di carne che ho mangiato io a Dublino erano terribili, sarò stata sfortunata io?.. magari prossima volta dovrò darci un'altra chance..

    • gliuppina
      Posted at 23:37h, 25 agosto Rispondi

      Le Aran te le stra-consiglio, assolutamente! <3
      Secondo me The Pie Maker è un posto particolarmente buono, ma non dev'essere facile trovare pie di così buona qualità. Anche io ne avevo mangiata una a Londra anni fa e non mi aveva fatto impazzire, al contrario di queste *__*

  • A.G. - What's in my bag
    Posted at 15:24h, 25 agosto Rispondi

    Mi hai fatto venire voglia di partire per l’Irlanda! Ricordo la foto meravigliosa che hai postato su Instagram e vedo quelle stupende che corredano questo post e ti assicuro che ho un forte e violento impulso di prendere e prenotare un volo.
    Aspetto il post Haul sugli acquisti, so già che mi farai venire l’acquolina in bocca!
    :*

    • gliuppina
      Posted at 23:25h, 25 agosto Rispondi

      Ti auguro di andarci quanto prima allora, è un posto meraviglioso come sembra dalle foto – anzi, molto di più! e dire che io ero un po’ scettica all’inizio (non tanto per le Aran quanto per Dublino).
      <3 pciù!

  • Isabella
    Posted at 19:37h, 25 agosto Rispondi

    Grazie del reportage, amo le foto e mi hai fatto venire ancora più voglia di andare in Irlanda!
    Alla fine poi sei riuscita a bere il tè da quell’anfora? 😀
    Desidero però inoltrare un formale reclamo alla direzione di codesto luogo virtuale, poichè si prometteva sonno e dormite a gogò dalle prime battute, ed io che soffro di insonnia ormai da dieci giorni, avevo sperato in qualche risultato, e invece sono arrivata sveglia fino alla fine ed abbastanza da scrivere anche un commento! Non sei una brava addormentatrice. Ecco. XD

    • gliuppina
      Posted at 23:25h, 25 agosto Rispondi

      Ahahah ti adoro Ilaria! grazie 🙂

      (il té sono riuscita a berlo, era buonisssssimo!)

  • Pisola
    Posted at 21:05h, 25 agosto Rispondi

    veramente divertente, e le foto degli asini bellissime (e anche tutte le altre)!!

  • silvia
    Posted at 23:17h, 25 agosto Rispondi

    anche io ho studiato le Aran dal libro – meraviglioso – di Mezzetti! La Polinesia! Venezia! Commozione.

    • gliuppina
      Posted at 23:26h, 25 agosto Rispondi

      Che bello, anche tu! quel libro mi ha davvero fatto sognare (e un po’ penare, visto che all’inizio del liceo non avevo un metodo di studio serio 😉 )

  • missflock
    Posted at 01:07h, 26 agosto Rispondi

    Vanity, se non fossi stata così fuori da svanirmi che saresti andata a Dublino o cmq da non ricordarmi di dirtelo a ridosso della partenza….bhè ti avrei detto che sono andata avanti e indietro da Dublino per 3 anni e la conosco molto bene. Ti avrei detto di andare ASSOLUTAMENTE da Avoca, soprattutto per le megabuone patatine fritte giganti fritte nel grasso d’oca (che detto così sembra una roba stra unta, invece sono belle croccanti fuori e morbide dentro e belle asciutte) con la salsa all’aglio… più altre piccole cose…tipo andare a saccheggiare Penny e comprare mutante aiosa, sembra una cazzata, ma ci cmpri a 3€ il paio la migliore biancheria intima in microfibra mai vista, robe che qui a Milano paghi 25€ a mutanda…. eniuei ho visto che comunque ti sei goduta il viaggio e ne sono felicie 😀 😀

    • gliuppina
      Posted at 12:10h, 26 agosto Rispondi

      Ahh che peccato! Però le mutande in microfibra di Penny le ho prese, meno male! 😀 😀 haaahah!

      • missflock
        Posted at 16:36h, 02 settembre Rispondi

        Putta caso ammorecucciolo è a Dublino in questi giorni! Mi arriveranno Bobbi Brown (preso nel negozio da te accuratamente evitato) Real Technique e Bourjois….eeee …..le mutande in microfibra LOL

  • Chiara
    Posted at 08:54h, 26 agosto Rispondi

    St.Patrick!*_* La biblioteca del Trinity!*_* La fabbrica della guinness io la salterei/salterò perchè sono astemia (buuuh!) ma per il resto invidia somma per voi giovinotti!**
    Inis Manor mi dicono tutti che è bellissima ma l’idea dell’aliscafo non mi fa impazzire ._. son donna di terra, già prendere il traghetto per le isole lacustri mi crea qualche angoscia (e il viaggio dura 10 minuti). Avrò un intero inverno per decidere se il mio stomaco può reggere un viaggio oceanico o meno, per ora torno a godermi le tue foto, grazie per averle condivise 😀

    • missflock
      Posted at 09:01h, 26 agosto Rispondi

      p.s. Dimenticavo! Una mia amica fa la guida alla fabbrica della Guinness!!!! La vostra guida era una ragazza con gli occhiali di nome Francesca?!?!

      • gliuppina
        Posted at 12:12h, 26 agosto Rispondi

        non avevamo una guida, sigh!

        • missflock
          Posted at 16:36h, 02 settembre Rispondi

          ah, non credevo facessero giri senza guida 😮

    • gliuppina
      Posted at 12:12h, 26 agosto Rispondi

      Ahwww, ti piacerà tutto – ne sono sicura! Se non vuoi prendere l’aliscafo esistono dei piccoli aerei che ci mettono solo otto minuti ad arrivare, però appunto sono dei PICCOLI aerei, per me super spaventosi (anche se dicono essere i più sicuri, chissà XD). Insomma, le Aran mettono a dura prova la fifoneria dei turisti, dannate! <3

  • Chiara Piccolo (@WorldOfClaire)
    Posted at 10:54h, 26 agosto Rispondi

    Che meraviglia *.* mi salvo il post per ricordarmi tutte le informazioni utilissime!

    • gliuppina
      Posted at 12:12h, 26 agosto Rispondi

      Grazie Chiara, spero siano utili davvero 🙂

  • Francesca Trucco
    Posted at 11:38h, 26 agosto Rispondi

    Non sono ancora mai stata in Irlanda ma da tempo ci penso…questo articolo e le foto mi hanno fatto venire di nuovo una fortissima voglia…sia per la sua natura “selvaggia” sia per l’Irish Breakfast !!! ah ah ah …la colazione è sempre il mio momento preferito ovunque io sia

    Ti lascio il link al mio Blog, sperando averti mia ospite di tanto in tanto
    http://makeupocchiverdi.wordpress.com/

  • Beatrice
    Posted at 12:32h, 26 agosto Rispondi

    Invidia infinita per la vacanza spettacolare *___* Già tutte le foto su instagram mi hanno fatta sospirare con aria sognante (la pie con la buffa tazza di the mmmmh!) ma vederle tutte insieme con il tuo resoconto mi fa venire voglia di buttare scarponcini e maglioni in valigia e saltare sul primo volo low cost…
    Portami con te la prossima volta! <3

    • gliuppina
      Posted at 01:29h, 28 agosto Rispondi

      Ahw, ma più che volentieri! Tanto lo so che poi ti trascinerei da Boots per svariate ore <3

  • valeriashelf
    Posted at 18:35h, 26 agosto Rispondi

    Le isole Aran sembrano incredibili. Sono veramente stupende!
    Il vento però mi fa desistere all’idea di dire “vado là quest’inverno!” *iniziano a venire i brividini*

    • gliuppina
      Posted at 01:29h, 28 agosto Rispondi

      Ahahahah forse d’inverno non le consiglierei nemmeno io, ma d’estate assolutamente sì : )

  • Marika
    Posted at 09:32h, 27 agosto Rispondi

    In questo preciso istante mi trovo spaparanzata in un incantevole spiaggia a Samos, e leggere di te e della tua Irlanda è a dir poco surreale! Ma tu sei fantastica! Le foto stupende e suggestive!! Sei divertente è la tua scrittura così brillante!!!! Sto già pensando d organizzare una fuga irlandese, mi hai letteralmente conquistata!!! Il rientro è stato traumatico? Kalimera!

    • gliuppina
      Posted at 01:30h, 28 agosto Rispondi

      Che meraviglia! grazie mille : )
      Il rientro è stato un po’ traumatico ma mi sono consolata subito con una spiaggia deserta nella provincia di Agrigento, non mi lamento troppo 😉

  • Make-up-deer
    Posted at 15:27h, 27 agosto Rispondi

    Bellissima Dun aonghasa, posto da vedere davvero!!!

  • Soffice Lavanda
    Posted at 12:09h, 28 agosto Rispondi

    Mi piace tutto. Invidia massima. Per arrivare a Dublino da qui faccio prima a lanciarmi con una catapulta. La rynair ha promesso un volo prima o poi (compare la possibilità sul sito ma non ci sono ancora voli)… chissà quando U_U Probabilmente quando io mi sarò trasferita all’estero… XD

    • gliuppina
      Posted at 13:17h, 29 agosto Rispondi

      Quando vai dimmelo che mi accodo : * (auto-invitandomi)

  • Marika
    Posted at 15:21h, 30 agosto Rispondi

    Domandona! Se posso permettermi… È il tuo fidanzato quello con la maglietta dei Joy Division? Sono uno dei miei gruppi preferiti!!!!!!!!!! Baci ❤️❤️

    • gliuppina
      Posted at 19:45h, 30 agosto Rispondi

      Sì sì è lui : ))
      un bacio Marika!

  • ReyInWonderland
    Posted at 11:19h, 31 agosto Rispondi

    Meraviglia *__* . Devo pianificare un viaggio a Dublino quanto prima! E le tue foto? Bellissime!

    • gliuppina
      Posted at 18:07h, 31 agosto Rispondi

      Ahw, grazie! : ) ti auguro di andarci, sono posti fantastici <3

  • [Make-up] I miei acquisti in Irlanda | Vanity Nerd
    Posted at 09:00h, 01 settembre Rispondi

    […] dicevo nel post dedicato al viaggio in Irlanda (qui), al mio rientro in terra italica ho avuto un po’ la sensazione di aver visto poco o di […]

  • stregalice (@stregalice)
    Posted at 11:42h, 01 settembre Rispondi

    Tanta invidia per le Aran, io ho solo girato in zona Dublino e county Wicklow ma grazie ai consigli mi posso rifare la prossima volta! 😀
    Volevo vedere Guardians a Londra ma sono scappata per il prezzo del biglietto (12£ @_@), a voi è andata decisamente meglio!

    • gliuppina
      Posted at 11:53h, 01 settembre Rispondi

      Se torni in Irlanda vai assolutamente alle Aran e poi fammi sapere ; ) <3

      Capperi, dodici sterline sono un salasso! O__o

  • tizy1289
    Posted at 22:07h, 03 settembre Rispondi

    La biblioteca, la bibliotecaaaa! *Scoppia a piangere*

  • makemeup1985
    Posted at 17:27h, 04 settembre Rispondi

    Bibliotecaaaaaa *_* amore incondizionato per le biblioteche. Che bel giro che hai fatto

    • gliuppina
      Posted at 13:13h, 05 settembre Rispondi

      Grazie!
      La biblioteca era qualcosa di meraviglioso <3

  • Federica Didica
    Posted at 18:24h, 04 settembre Rispondi

    Che spettacolo….quanta invidia…io non sono mai stata in Irlanda ma mi sono innamorata delle fotografie che aveva fatto mia madre quando era stata un paio di anni fa…sembrano veramente dei posti meravigliosi e magici….anche se io mi sto sentendo male solo a guardare la foto a picco sul mare…maledetta vertigine….la tua amica è matta…ahahahah
    Comunque dai capitan america è stato un fallimento su tutta la linea, era orrendo….non vedo l’ora di andare a vedere Guardians of the Galaxy adesso….
    ah dimenticavo…complimenti per le fotografie…sono spettacolari…..

    • gliuppina
      Posted at 13:16h, 05 settembre Rispondi

      È pazza la mia amica, vero? Il mio ragazzo soffriva da impazzire di vertigini e vederla gli ha fatto venire la tachicardia! 😀
      Che bello, mi capisci perfettamente su Capitan America <3 ti assicuro che Guardians of the Galaxy è stupendo e non ti deluderà ; )

      grazie grazie!

  • Pinnù
    Posted at 08:58h, 05 settembre Rispondi

    da brava golosa quale sono, non sono andata oltre gli scones e le pie salate, le vorrei qui, ora! Bellissime foto davvero. Anche io ho sempre la sensazione di non aver mai visto abbastanza, anche se mi sono massacrata i piedi e i muscoli si son resi conto di esistere dopo anni di desolante inattività! Ps sbaglio o vedo un Irene vs Maglione that matches with your eyes?

    • gliuppina
      Posted at 13:17h, 05 settembre Rispondi

      Se penso a quelle prelibatezze irlandesi mi sento male, mi mancano!

      Irene vuole mettere i suoi pelazzi bianchi sul maglione, lo so!

  • Best of 2014: Make-up & more | Vanity Nerd
    Posted at 10:02h, 19 gennaio Rispondi

    […] Viaggio dell’anno: Irlanda: Dublino, Galway e Inis Mòr. Ve l’ho raccontato qui. […]

  • Cupcake
    Posted at 10:53h, 20 gennaio Rispondi

    che foto spettacolari! l’Irlanda è tra le mie mete wishlist! e si la tua amica Laura è proprio matta, però che invidia quella foto! 🙂

  • Spendi&Spandi
    Posted at 15:30h, 02 marzo Rispondi

    Com’è che mi ero persa questo post mega stra bellissimo?!
    Cioè a parte che ora vorrei vedere anche il resto dell’Irlanda ma vabbè… mi accontento di Dublino, visto che questo viaggio è anche un regalo delle mie amiche posso solo baciarmi i gomiti e trotterellare felice.
    La biblioteca vorrei proprio vederla, così come vorrei sbronz.. emm godermi la vista dalla Guiness Storehouse, sarà una roba da turisti che di più non si può, ma s’ha da fare! Bellissima la cattedrale dentro! *.*
    Ora vado a vedermi il resto delle foto su Flickr! E a leggermi il post haul!
    PS: ovviamente ho già puntato quel meraviglioso scone, cercavo guisto qualche posticino figo per cibarci! :-*

  • [Off Topic] Viaggio a Londra, Episodio I: oltre al Big Ben c'è di più. - Vanity Nerd
    Posted at 12:12h, 13 settembre Rispondi

    […] avevo i Dr. Martens). Mi è venuta una nostalgia infinita per l’Irlanda e soprattutto per Inis Mor, ma sono davvero contenta di aver visto qualcosa di spettacolare anche in questo […]

Post A Comment