Firenze, Taste e un mini haul

Sono tornata da poco da un fine settimana a Firenze insieme a mia cugina e a mia sorella (a cui abbiamo invaso la casa) e questa volta avevo voglia di parlarne anche qui, tanto per ammorbarvi.

Nemmeno questa volta ho visitato gli Uffizi e aspetto un momento in cui non mi sento un bradipo in stato comatoso per decidermi di fare questo passo: vorrei anche rispolverare qualche nozione di storia dell’arte per godermi davvero la visita e non passare in rassegna passivamente quello che mi càpita sotto al naso. Quando ero a scuola e all’università ero una vera fangirl di pittori e scultori, ora non distinguo Masaccio da Masolino: sono problemoni.

Giardino di Boboli, Firenze


A parte un pomeriggio al Giardino di Boboli – che vi consiglio caldamente, qualora non foste mai stati a Firenze – credo di avere passato il weekend a mangiare, dormire e coccolare Joe, il gatto di mia sorella (ve ne ho parlato qui). Micio adorabile, tra l’altro, super affettuoso e amante delle panze su cui si adagia non appena ci si siede su un divano o su un letto (come dimostra questa diapositiva).

Joe


Comunque, la parte di questo weekend passata a mangiare è stata piuttosto interessante: siamo state al «salone dedicato alle eccellenze del gusto e del food lifestyle», ossia Taste, ed è stata una bellissima esperienza. Non solo per lo scrocco selvaggio di assaggini, ma anche per l’atmosfera dell’evento, davvero ben organizzato. Se non avete mai visitato questa fiera dovreste assolutamente rimediare l’anno prossimo: i migliori produttori italiani di cibo di ogni tipo – ma anche bevande squisite – espongono i propri prodotti e vi faranno quasi pentire di tutte le schifezze industriali mangiate nella vostra vita.

Taste 2016, Firenze

Alla fine c’è anche uno shop abbastanza fornito in cui non ho potuto che comprare qualcosa per Andrea e un paio di confezioni di biscotti deliziosi per me (la quiete prima della dieta, in arrivo la prossima settimana). Questi che vedete in foto sono Le Furezze, li ho assaggiati e stavo quasi per svenire di fronte allo stand: è stato difficile scegliere, ma alla fine ho comprato una confezione al cioccolato e peperoncino. Ottimi!

Taste 2016, Firenze

Oltre a Taste ci sono state altre incursioni gastronomiche, come una tappa da Ditta Artigianale (la nuova sede Oltrarno), locale esteticamente bellissimo ma leggermente pretenzioso (ho mangiato un club sandwich davvero mignon, per fortuna hanno recuperato punti  con la Red Velvet Cake). Domenica, in compenso, abbiamo fatto un pranzone domenicale da Zocchi a Pratolino e ancora penso al brasato con i funghi porcini con sincero affetto.

Ditta Artigianale, Firenze

Ma oltre al cibo non poteva mancare una parentesi cosmetica. Mi sono tenuta alla larga da LUSH perché in questo periodo non posso spendere praticamente niente e non c’era nulla che mi servisse, ma ho approfittato del 20% di sconto da Sephora per prendere i miei Sacri Graal (esiste il plurale? credo di no) che ricompro per forza ogni volta che terminano (e che quindi non possono conoscere alcuna messa al bando di tipo cosmetico), ovvero la matita Stylo Yeux Waterproof n.88 di Chanel e il Naked Skin Concealer di Urban Decay, questa volta in un colore diverso, il Light Warm (scelta dettata dalla minchionaggine, visto che è un po’ troppo chiaro perfino per me). In più ho preso un piccolo auto-regalo: il pennello per sopracciglia della linea profescional di Sephora, il n.20. Da Coin, infine, ho trovato il mascara Planter’s che ancora non avevo ricomprato (trovate la recensione qui), questa volta con i gatti sulla confezione. La maschera da notte di Sephora è un regalo di mia cugina C. e non vedo l’ora di provarla.

haul-firenze

Come vedete ormai le #fotobrutte e i post inutili si sprecano, spero di non avervi inutilmente ammorbato, ma se avete consigli su posti da vedere la prossima volta che vado a fare la gattara pazza a Firenze ditemi, sono curiosa!

Nel frattempo, consueti bacini rosei a voi.

Disclaimer: nessuna delle aziende/ristoranti/cose citate in questo post è coinvolta in alcun tipo di collaborazione. È un racconto spontaneo e alquanto inutile. Non sono stata pagata per menzionare o linkare alcunché. 

2 Comments
  • S.
    Posted at 12:06h, 15 marzo Rispondi

    Cavoli sai che io a Firenze non ci sono mai stata? Vorrei tanto però, davvero.
    Il Taste sembra una figata! Io inizio ad avere la nausea di questo tipo di eventi ma questo sembrava veramente bello e ben organizzato, il prossimo alto non me lo farò sfuggire.
    Joe è veramente bellissimo e sembra super dolce <3
    Quando hai parlato di acquisti che fai e rifai sapevo già che avrei trovato la matita Chanel, vorrei provarla prima o poi. Il correttore Urban Decay mi attira parecchio ma ultimamente non lo sto usando, non so bene per quale motivo.
    Bacini!

  • Linda
    Posted at 23:41h, 15 marzo Rispondi

    Adoro Firenze! Ci sono stata parecchie volte ma è una città che non annoia mai! Ho ufficialmente fame in questo momento, sia al pensiero del brasato coi funghi che al pensiero del Taste che non conoscevo:)

Post A Comment