Douglas Makeup: prime impressioni con faccioni

È da una settimana, più o meno, che testo in modo intensivo alcuni prodotti della linea makeup di Douglas, una catena di profumerie sempre piena di cose interessanti. Mi sono fatta qualche idea sui prodotti, ho scelto i miei preferiti e quelli che invece non comprerei e sono qui per rintontirvi di chiacchiere in merito.

Collezione Lost In Galaxy: win & fail

Comincio col botto. Il Maxi Highlighter (9,95€), un illuminante in stick della collezione Lost in Galaxy, è un assoluto (ASSOLUTOH) must have che mi spalmerei da mane a sera, a costo di sembrare un satellite psichedelico della Luna. Estate o inverno, giorno o notte che importa! Quando l’ho provato la prima volta mi sono sentita artefatta e figa come un tutorial di Instagram. Dico sul serio, mi piace da impazzire. Avevo un prodotto praticamente identico di Kiko, qualche anno fa, ma l’effetto non è minimamente paragonabile: si vedeva a malapena e non durava sulla mia pelle. Questo invece enfatizza davvero le zone su cui lo applicate, anche di giorno fa un bell’effetto luminoso ma non volgare e di sera vi farà risplendere. Due aspetti da non sottovalutare: si stende davvero facilmente e costa poco meno di 10€. Vi consiglio di prenderlo. Punto.

Lost in Galaxy

Altra scoperta positiva, sempre di questa collezione, è l’Eyeliner (7,95€) nel colore Purple: è un viola olografico (quindi non pieno di glitterazzi grossi, ma con microglitter impalpabili, luminoso e cangiante – non so esprimermi) a lunga durata e facile da applicare. Che ci crediate o no, posso confermare l’esistenza di eyeliner facili da applicare (lo ripeto per ribadire il concetto). Sono più comuni di quel che si creda: questo ha il pennellino piccolo che scivola super facilmente sulle palpebre lasciando una scia compatta di prodotto, che non ha bisogno di cinque/venti/settecentotrentamila passate. Lo amo. Arriva a sera in ottime condizioni ed è facile da struccare. Non è waterproof ma non dice di esserlo, quindi mi pare onesto. Per il prezzo che ha  vi consiglio di provarlo perché è anche un prodotto particolare, di ottima qualità. In questa orrida foto spero si noti il colore davvero bello (e anche l’illuminante sul viso).

Eyeliner
Dalla collezione Lost in Galaxy purtroppo arriva anche una piccola delusione personale: l’ombretto Pink (9,95 €). Ecco, se avessi saputo il suo nome, prima di provarlo, non ci sarei rimasta così male: dalla cialda mi sembrava un prugna intenso e invece è rosa! Rosa e super glitterato. Non mi ricordavo di detestare così tanto gli ombretti con i glitter, dev’essere la vecchiaia. Ad ogni modo Mr. Pink non è  un cattivo ombretto, solo che me lo aspettavo scuro e invece non lo è. La scrivenza non è malvagia, io però nel disperato tentativo di tirare fuori il prugna l’ho usato anche bagnato (nella foto sotto è l’occhio alla vostra destra): si intensifica un po’, però se vi piace il rosa credo non sia necessario arrivare a tanto, basta applicarlo così com’è. Per me comunque, nel complesso, è un piccolo no. Sarà che ho 30 anni, che il rosa glitterato è anni luce dai miei gusti, non lo so. Non mi psicanalizzerò adesso davanti a voi, dirò solo de gustibus!

Mr. Pink

Collezione permanente (Joli Rose per tutti!)

Rimaniamo in zona occhi: ho provato per la prima volta un Kajal (colore Ultra Wonderblack, 9,95€) con questo formato e devo dire che mi piace utilizzarlo, si sfuma super facilmente ed è comodo per fare una bella riga di eyeliner. L’unico difetto che devo notare è la sua durata: all’interno della mia rima – su cui pochissimi prodotti durano – a fine giornata non lascia traccia di sé; sopra la palpebra va decisamente meglio, ma se lo mettete sotto pressione con un’ora di palestra (io ci vado in pausa pranzo e per forza di cose sono truccata) potrebbe colare giù. In generale penso sia un prodotto discreto, le sue performance dipendono molto dai vostri occhi e da quello che fate durante il giorno: se non andate in palestra con un rigone di eyeliner non avete di che temere.

Kajal, Lipstick, Eyeshadow base

Ho gradito di più la Eyeshadow Base (7,95€), una base per ombretto (come dice il nome) beige dalla consistenza leggermente cremosa (forse morbida è la definizione migliore). Mi piace perché è forse l’unico prodotto leggero e impalpabile che riesca a coprire le odiose venuzze che ho sulle palpebre senza l’inconveniente degli accumuli di prodotto. Non so se sia un buon primer – per ora ho usato ombretti che da soli resistono molto – ma per quello che fa già su di me è una rivelazione. Promosso!

Joli Rose, rossetto della linea Lipstick Matte, può essere riassunto in una parola: adoro. Quando ho visto il colore per la prima volta ho pensato che sarebbe stato l’ennesimo nude scuro che su di me ha un effetto invecchiante pari a una gita nello spazio tempo di svariati anni sul TARDIS. Invece, miracolo, è un nude che mi sta bene, un rosa caldo con qualcosa di vagamente arancio/mattone – non so descrivere i colori, spero che le foto (ne trovate una in fondo) mi aiutino. Lo sto usando ogni giorno e mi fa impazzire, dura a lungo e anche se durante i pasti – inevitabilmente – sbiadisce, lo fa in modo omogeneo, lasciando una sorta di tinta sulle labbra. Penso che proverò qualche altro colore: la texture è morbida e omogenea, scorre bene e rispetta anche le labbra più secche, senza enfatizzare troppo le pellicine e senza finire nelle pieghette del contorno labbra. 12,95 € è un prezzo più che onesto. Date un occhio a questa linea se potete!

L’Aquarelle Powder Blush (16,95€) è una grande terra un po’ anni Novanta con la cialda divisa in quattro: una terra più scura, una più beige, un blush rosato e un illuminante. Tutto rigorosamente luminoso/glitterato. È esattamente quel tipo di prodotto che la scorsa estate mi è mancato di più – ho solo terre opache – e che quest’anno sfrutterò tantissimo: i glitter si vedono ma non sono invalidanti, la si può usare tranquillamente di giorno e i colori sono adatti a tanti tipi di pelle, specialmente le più chiare e medie. Non so voi, ma d’estate, la sera, adoro enfatizzare quel po’ di abbronzatura che riesco a raccattare con un sano velo di glitter. Questa palette, che si può anche usare inumidendo il pennello, mischiando i colori tra loro e dando libero sfogo al proprio artista interiore, sarà una preziosa alleata – insieme all’Autan Spray, perché l’estate è bella ma ha i suoi contro – nelle prossime serate estive.

Aquarelle

E ora veniamo agli ombretti Drop Glitter (oro e argento): due boccette con un liquido scintillante che sembra uscito da una versione disco di Hogwarts. Purtroppo, devo ribadirlo, io non amo i glitter sugli occhi. Però se questo è il vostro guilty pleasure, direi che dovreste intascarvi questi due prodotti perché sono una autentica esplosione di brillantini super sottili ma giga-luminosi. Io li ho usati anche sul viso in preda a follia e sembravo scintillare come Edward Cullen, il vampiro glitterato di Twilight. Se non altro è qualcosa di originale!

Drops

Dulcis in fundo, gli smalti. I due che ho ricevuto sono della linea Camaleon, nel formato da 5 ml (costano solo un euro! Incredibile). Spectral Green è un verde cangiante che alla prima passata dà un risultato più che accettabile e che si intensifica alla seconda; Spectral Violet invece ha bisogno di due o tre passate, ma si fanno tranquillamente senza creare troppo spessore. Adoro entrambi i colori: per provarli nel minor tempo possibile ho girato qualche giorno con una mano verde e una viola (parlo delle unghie of course), provando gli smalti sia da soli che come top coat su una base verde. Stupendi in entrambi i casi: se non amo i glitter sugli occhi, adoro invece questi effetti poco sobri sulle unghie. Qui trovate due orribili swatch.

Camaleon

Pennello Pazzo

Stavo per dimenticare il pennello pazzo, aka il Brush Do All. Ehrm. È un pennello con due estremità: da una parte è un pennello viso, dall’altra può essere un pennello occhi, labbra o correttore, basterà cambiare la testina. È un’idea carina, soprattutto per viaggiare, e le setole non sono nemmeno pessime, ma onestamente lo trovo scomodo da impugnare e un po’ cheap, poco solido. Sui pennelli non si scherza, sono per comprarne pochi ma buoni, e sul sito Douglas  ne troverete mille che possano fare il lavoro di questo attrezzo bizzarro.

Pennello Pazzo

Concludo con un mio faccione imbarazzante su cui ho schiaffato praticamente tutto quello di cui ho parlato in questo post. Nel complesso sono soddisfatta della qualità dei prodotti Douglas, hanno un rapporto qualità/prezzo davvero buona e meritano un’occhiata. (Non fate caso alle occhiaie incopribili ma sono stati giorni un po’ pesanti)

Faccione

Se siete arrivati alla fine di questo post meritate un regalo, tipo foto di gattini, figoni mondiali, figoni con gattini. Spero di farvi cosa gradita.

Come sempre aspetto eventuali domande, minacce, chiarimenti o pareri: anche insulti, se ve la sentite (tanto vi banno, gne gne) (non è vero, ho una certa età). E se avete provato uno o più di questi prodotti aspetto la vostra review (anche link vanno bene).

Consueti bacini rosa a voialtri e buona Pasqua!

Disclaimer: i prodotti oggetto di questa review mi sono stati inviati in omaggio a scopo valutativo. Non sono stata pagata per scrivere il post o inserire link (men che meno quelli con i gattini). 

8 Comments
  • Francesca Cambuli
    Posted at 17:13h, 25 marzo Rispondi

    Porca miseria, stavo per commentare “che bello l’eyeliner, lo voglio” e “non sapevo Douglas facesse buoni rossetti!!”, ma arrivata alla fine del post, e aperti i vari link, tutto quello che ho da dire é: Minchia, Luca Argentero! <3
    Ma anche, che bei pupazzoli i tuoi gattoni!
    Bene, mi riprendo e vado sul sito Douglas, ciá!

  • Isabella
    Posted at 23:48h, 25 marzo Rispondi

    Alla tenera età di 45 anni bramo quell’illuminante: se non posso avere il posteriore di JLo, almeno voglio accecarvi! Peccato che ero in perlustrazione da Douglas due giorni fa e non mi sono fermata allo stand. Invecchio malissimo.

    • Isabella
      Posted at 23:50h, 25 marzo Rispondi

      Non ho beccato un congiuntivo. Mi toglieranno la cittadinanza toscana. Corregimi con la penna rossa blu o con l’eyeliner viola. Sigh.

  • S.
    Posted at 08:20h, 26 marzo Rispondi

    L’illuminante è sicuramente il pezzo che mi attira di più, che bello <3

  • Sara
    Posted at 14:40h, 26 marzo Rispondi

    L’eyeliner sembra molto bello! Da un po’ di tempo uso quelli a “pennarello” e mi trovo abbastanza bene, mi sembra di avere più presa, ma vorrei riprovare con uno classico. Ho visto anche la foto dei mici, sono pucciosissimi e bellissimi! ^^ (anche Argentero non è male, eh XD )

  • Giulia
    Posted at 08:50h, 27 marzo Rispondi

    Non ho ancora provato i prodotti Douglas e devo dire che, nonostante non ami i glitter quanto te, quelle boccette mi incuriosiscono parecchio! Ed anche l’illuminante non sembra niente male!

  • Giusy
    Posted at 17:09h, 28 marzo Rispondi

    L’illuminante, l’illuminante, l’illuminanteeeeee

  • Strawberry Makeup Bag
    Posted at 15:30h, 03 aprile Rispondi

    Applauso per il rossetto che ti sta benissimo ed occhi a cuore per l’illuminante perchè sembra uno spettacolo. Vado ad ammanettarmi al calorifero perché se compro un altro highlighter dovrò andare in terapia e non me lo posso permettere, perchè di recente ho comprato troppi illuimnanti <3

Post A Comment