Truccarsi in palestra: consigli pratici e prodotti resistenti

Truccarsi in palestra viene visto spesso come un sacrilegio, un’onta, un’offesa incancellabile – non si sa bene a quali divinità – qualcosa di assolutamente sbagliato e da condannare.

Dato che io mi trucco in primis per me stessa e poi per non spaventare il prossimo, non ho problemi a dire che in palestra ci vado truccata. Non ci vedo niente di male – forse perché sudo poco, o forse perché non opto mai per un make-up alla Moira Orfei (buonanima) – e non capisco l’acredine di chi se la prende con chi ha questa abitudine. In giro ho letto di tutto: dalle condanne al fatto di non sapersi accettare al naturale all’invito a struccarsi prima di entrare in palestra. Ma perché? Che ti importa se voglio allenarmi col mascara?

Ma prima di blaterare oltre, oggi vi parlerò di come mi trucco io quando vado in palestra direttamente da casa (ci sono volte in cui sono già truccata da prima, e in quel caso non cambio nulla, non ritocco niente e vado così come sono).

Coprire le imperfezioni

Il mio cruccio principale, forse lo saprete, sono le occhiaie e la pigmentazione delle palpebre. Senza trucco non ho un aspetto sano, e il makeup mi aiuta semplicemente a sembrare normale, non Giga Figa Che vuole Acchiappare in Palestra. 

Il primo step, quindi, è usare la mia amata combinazione di correttori Urban Decay e Catrice sulle palpebre e anche intorno al naso e sul mento (dove, invece, ho dei simpatici rossori). Entrambi sono molto resistenti e non mi abbandonano nemmeno dopo 40 minuti di tapis-roulant.

(Va bene, facciamo trenta, non voglio barare pure con voi).

truccopalestra

Una base leggera e a prova di palestra

Di solito il correttore mi basta per rendermi accettabile ai miei stessi occhi, ma se è una giornata no, in cui mi guardo allo specchio e vedo solo il Mostro della Laguna Nera, ho due opzioni: una CC Cream leggera e luminosa – come quella di Lab Care – o il mio super fondotinta Infaillible Mat di L’Oréal mixato a un goccio di primer Laura Mercier.

Questo fondotinta, come ho detto mille volte, è opaco, sottile, non sembra nemmeno di averlo addosso e non si scioglie con l’attività fisica. L’aggiunta di primer serve a rendere l’effetto generale ancora più naturale e idratante.

La CC Cream di LabCare*, invece, va dosata molto bene – ne basta pochissima – perché metterne troppa vi farà sbrilluccicare come un qualsisasi vampiro di Twilight. Per il resto minimizza bene i rossori del viso, idrata bene e non è per nulla appiccicosa, mi sta piacendo molto. Metteteci pure che è antiage, non possiamo lamentarci.

trucco-palestra-5

Sguardo malvagio e un po’ disgustato. Non so. In queste foto (oscene): CC Cream Labcare, fard Frankly Scarlet di MAC, Morning Glory sugli occhi, eyeliner Bourjois, mascara Maybelline, rossetto Pink Peony di Sephora.

Un velo di fard

Una passata di fard (o blush, se volete tornare da questo breve viaggio negli anni Ottanta) è fondamentale per rendermi quanto più normale io possa desiderare. Solitamente uso Frankly Scarlet di MAC perché è il colore più simile al mio naturale rossore, ed è anche una polvere sì pigmentata ma nemmeno troppo: non rischio mai l’effetto Heidi Al Terzo Bicchiere di Vino del Nonno. Sfumo sempre molto bene perché se è troppo evidente mi dà fastidio specchiarmi e vedere solo due gigantesche chiazze rosse allenarsi insieme a me.

Mascara, eyeliner e ombretti vari

Oltre al mascara Maybelline, applicato in ingenti quantità, un alleato molto utile per il mio trucco da palestra è Morning Glory di Nabla*, ombretto in crema di cui vi ho parlato da poco che ha la funzione di dire al mondo: “guardate, non sono truccata eppure ho uno sguardo super fresco e riposato!” – quando, ovviamente, tutto ciò è una falsità di tale portata che non ve lo dico neppure.

Se sono in una di quelle giornate da mostro della Laguna, mi spingo oltre e metto una riga sottile di eyeliner per definire l’occhio: grazie al cielo anche lui resiste indenne allo sport – insieme al mascara – e non risulta particolarmente evidente. Non che ci sia niente di male ad andare in palestra con un trucco intenso – nonostante la gente a volte lo pensi – ma io preferisco qualcosa di semplice anche perché sono spesso in ritardo e non ho proprio il tempo di fare altro.

trucco-palestra-2

Anche per questo motivo sulle sopracciglia mi limito a passare un mascara fissante: o quello Essence (che ho ricomprato da poco su Maquillalia) oppure quello, a prova di bombe e altre catastrofi, di Soap & Glory (acquistato a Londra da Boots e disponibile sul loro esoso e-shop).

Labbra (finto) naturali

Anche sulle labbra mi piace barare: se è una giornata positiva mi basta un po’ di burro cacao, altrimenti (sempre in modalità mostro della Laguna) metto un velo sottile di Peony di Sephora. Non sembra nemmeno di averlo addosso e mi salva dall’aspetto mortifero che ho senza rossetto. Ma ripeto, non è una cosa che faccio sempre.

trucco-palestra-4

Ecco, se scompaio misteriosamente non usate questa foto ammiccante per trovarmi, vi prego. Oggi ho messo anche un filo di matita nera per scongiurare l’effetto “occhio a palla”, in foto particolarmente evidente.

Perché truccarsi per andare in palestra?

Capisco benissimo chi in linea di principio non sia d’accordo con l’abitudine di truccarsi prima di andare in palestra: l’idea del sudore che si mischia al make-up non è una delle cose migliori che possano venire in mente.

Dal canto mio, ve l’ho detto, oltre a sudare poco, spesso applico anche poco make-up, quello necessario per farmi sentire bene con me stessa. La quantità dipende sempre dalla giornata, da come sono i miei capelli, dal mio umore ballerino: se a volte me la posso cavare con solo un po’ di correttore e basta (!), altri giorni disastrosi ho bisogno di più trucco. Il succo, per me, è usare prodotti resistenti, che non si sciolgano, e che siano confortevoli.

mostro laguna nera

Nelle mie giornate no mi vedo più o meno così. Forse un filo meno alta.

Tutto sommato non credo che sentirmi bene quando esco di casa comprometta le mie (scarse) abilità ginniche, così come non penso che nessuno debba essere mal giudicato se entra in sala pesi col rossetto.

Allo stesso modo nessuno deve spiegare perché preferisca fare sport a viso nudo, senza makeup: siamo felicemente libere di fare quello che vogliamo e sarà bello quel giorno in cui non dovremo giustificarci con qualcuno, non credete?

Io spero che quel dì arrivi presto. Intanto fatemi sapere cosa ne pensate, è un tema scottante ma – vi prego- non bisticciamo! (Facciamo una torta di arcobaleni, piuttosto).

Rosei bacini a voi.

Disclaimer: i prodotti contrassegnati dall’asterisco mi sono stati inviati a scopo valutativo dalle rispettive aziende. Il post, scritto mea sponte, non è in alcun modo sponsorizzato e non contiene link affiliati o altro.

8 Comments
  • S.
    Posted at 08:11h, 06 aprile Rispondi

    Io mi strucco per allenarmi MA perché non mi vede nessuno, ecco. Quando vado a correre nella wild Lugano esco in uno stato pietoso e spero di non incontrare nessuno, se mi allenassi in palestra probabilmente sarei a disagio per ogni cosa e mi farei anche un contouring Kardashian style.

    • gliuppina
      Posted at 18:13h, 07 aprile Rispondi

      ahuahua tu mi capisci <3

  • lenuccia
    Posted at 10:09h, 06 aprile Rispondi

    Sei fortunata a non sudare tanto, io anche se volessi andare in palestra truccata non potrei perché sudo tantissimo (grondo proprio, pure in inverno), ma capisco chi lo fa (anche per “acchiappare”, perché no!). A volte mi è capitato di essere mezza truccata, ma solo perché non avevo con me l’occorrente per struccarmi ed è stato un disastro: asciugamano lordo di fondotinta e mascara colato negli occhi che mi bruciava da morire! Però vedo tante ragazze ben truccate e che non fanno disastri come me…

    • gliuppina
      Posted at 18:11h, 07 aprile Rispondi

      Ahhh, tremendo! Mi succedeva questa estate a New York con 42 gradi, un incubo, quindi capisco. L’asciugamano sporco di fondotinta è un’onta che ho subìto l’altro giorno e ho detto “mai più!” (avevo usato una CC cream di Bourjois, con le altre non mi càpita!)

  • The fashion cat
    Posted at 18:17h, 06 aprile Rispondi

    Io son sempre truccata semplicemente perché arrivo dall’ufficio! C’è da dire che non uso fondotinta quindi la maggior parte del viso è ‘nature’.. XD

    • gliuppina
      Posted at 18:08h, 07 aprile Rispondi

      Anche per me prima era così! Dritta dall’ufficio con quello che capitava in faccia. Ora però devo dire che evito il più possibile di mettere il fondotinta, lo faccio solo in casi estremi perché non è affatto salutare!

  • Caterina Sosso
    Posted at 09:05h, 10 aprile Rispondi

    Anche io mi trucco per andare in palestra, ma poco: correttore sulle occhaie e se ho qualche imperfezione, un velo di terra e blush e sopracciglia 🙂

    Caterina | http://www.caterinasosso.com

  • Lady V
    Posted at 15:03h, 10 aprile Rispondi

    Io sudo tanto anche per movimenti degni di un bradipo (capirai quanto amo l’estate! XD) quindi l’idea di andare truccata in palestra (o a correre, unico sport che pratico attualmente) non mi ha mai sfiorata, però capisco benissimo l’esigenza e se si è fortunati a poterlo fare, ben venga!

Post A Comment